fbpx

Sanremo 2024: Polemiche e richiesta di esclusione per testi offensivi di La Sad

La partecipazione del gruppo musicale La Sad al Festival di Sanremo 2024 è a rischio. La loro inclusione ha scatenato polemiche e richieste di esclusione a causa dei testi delle loro canzoni, ritenuti misogini e promotori di violenza. Il Codacons ha contestato la decisione di includere il gruppo tra i partecipanti, minacciando una denuncia se non verranno prese misure immediate. La controversia dei La Sad segue il precedente coinvolgimento di Junior Cally nel 2020, anch’egli criticato per i testi controversi, ma non escluso dalla competizione.

La Sad

La Sad a rischio Sanremo

La Sad, gruppo composto dai membri Theø, Plant e Fiks, è al centro delle critiche per i testi considerati offensivi verso le donne e caratterizzati da una esaltazione costante di violenza e misoginia. Il Codacons ha dichiarato che in un momento in cui la società dovrebbe combattere la violenza di genere, la presenza di La Sad al Festival (leggi QUI tutti i partecipanti di Sanremo 2024) è inappropriata. La richiesta di esclusione dei La Sad è sostenuta dall‘Associazione Utenti dei Servizi Radiotelevisivi.

Leggi anche  Sanremo 2024: cantanti e ospiti della quarta serata del Festival

Risposta da Amadeus su La Sad:

Il Codacons ha chiesto una risposta immediata da parte di Amadeus, il conduttore del Festival di Sanremo, sulla decisione di includere La Sad tra i partecipanti. In caso contrario, l’associazione minaccia di presentare una denuncia. Adnkronos riporta che “un Paese che si indigna per casi di violenza come quello di Giulia Cecchettin non può applaudire brani offensivi nei confronti delle donne e caratterizzati da una esaltazione costante di violenza e misoginia“.

I precedenti

Il documento sui La Sad riporta il precedente coinvolgimento di Morgan, appena cacciato da X Factor. A cui, si vocifera, sia stata rifiutata anche una canzone per Sanremo 2024. Morgan fu escluso nel 2010 a seguito di un’intervista in cui confessò l’uso di droghe. Inoltre, si fa riferimento al caso di Junior Cally nel 2020, accusato di promuovere una cultura violenta e sessista, ma non escluso dalla competizione. Amadeus non ha ancora commentato ufficialmente le polemiche sui La Sad.

Commenta

Torna in alto