fbpx

Panetti di hashish a forma di iPhone con falso logo Apple

Sono della stessa grandezza di un telefono cellulare. Scatta il sequestro dei carabinieri

hashish-apple-iphone-napoli

Dieci panetti di hashish della stessa grandezza di un telefono cellulare iPhone, marchiati con il logo contraffatto (la famosa “mela”) del colosso informatico Apple, sono stati trovati e sequestrati dai carabinieri nella zona di Marianella, a Napoli, nell’abitazione di un uomo di 57 anni che custodiva nell’armadio della sua camera da letto anche 50 grammi di marijuana, divisa in 25 confezioni, una pistola calibro 9, 20 cartucce calibro 7.65 e un bilancino di precisione. I panetti, grandi grossomodo come un telefono iPhone, pesano complessivamente un chilogrammo.

In manette è finito Vincenzo Agrillo, con l’accusa di ricettazione, detenzione di stupefacenti a fini di spaccio, e di detenzione illegale di arma da fuoco e munizioni.

La zona dove è stata trovata la droga è ritenuta dagli investigatori sotto l’influenza del clan dei “Lo Russo”. Successive verifiche hanno consentito di accertare che la pistola è stata rubata nel 2011 a un 33enne di Giffoni Valle Piana (Salerno). L’hashish, se venduta al dettaglio, avrebbe fruttato oltre 10mila euro. Agrillo è stato chiuso nel carcere napoletano di Poggioreale.

Leggi anche  The Warning in Italia: a luglio live a Bologna

Fonte: repubblica.it

Commenta

Torna in alto