fbpx

Francesco Guccini pubblica “Canzoni da Osteria”, una raccolta di 14 canti popolari rivisitati

Dopo il successo di “Canzoni da intorto“, l’album più venduto dell’anno scorso in formato fisico, Francesco Guccini presenta il nuovo lavoro “Canzoni da osteria“. Questo album vede il cantautore italiano reinterpretare in chiave intima e personale 14 canti popolari selezionati da un vasto repertorio nazionale e internazionale.

Francesco Guccini Canzoni da Osteria

Francesco Guccini “Canzoni da Osteria”

Francesco Guccini, il celebre maestro di Pavana, ha dichiarato che “Canzoni da osteria” rappresenta una raccolta di brani nei quali ha creduto e che ha cercato di interpretare al meglio nonostante la sua voce “sfatta” attuale. L’album, con gli arrangiamenti di Fabio Ilacqua e la produzione artistica di Stefano Giungato, è disponibile in vari formati, tra cui CD, vinile e edizioni speciali (QUI su Amazon).

Una Raccolta Variegata:

L’album si apre con “Bella ciao“, simbolo della Resistenza italiana, ma con una versione che riflette le moderne proteste internazionali. Guccini sottolinea l’importanza della canzone nelle manifestazioni di protesta a livello globale. L’artista rivisita anche brani provenienti dall’Argentina e dal Sud America, come la milonga di Astor Piazzolla e Jorge Luis Borges, “Jacinto Chiclana“.

Leggi anche  Torna Fill Your Bag by East Market, tutto il vintage a portata di borsa

Francesco Guccini dimostra la sua versatilità interpretando canzoni d’amore in lingua catalana e traducendo brani come “La tieta“. L’album presenta anche esecuzioni in dialetto veneto e in ebraico. Due brani in inglese, “The last thing on my mind” e il canto folk americano “Cotton fields“, arricchiscono ulteriormente la varietà linguistica e stilistica del progetto.

Aneddoti e Nostalgia:

Guccini condivide aneddoti sulla sua gioventù trascorsa nelle osterie di Bologna, descrivendo un’epoca in cui la città non dormiva mai e i giovani si ritrovavano per cantare e ballare. L’album include anche “21 aprile“, un brano bilingue in greco e italiano dedicato al colpo di stato dei colonnelli greci avvenuto nel 1967.

Canzoni da osteria” promette di essere un viaggio affascinante attraverso le radici musicali di Francesco Guccini, unendo tradizione e innovazione in un contesto intimo. L’album offre un’occasione per apprezzare la maestria e la versatilità di uno dei più grandi cantautori italiani.

Scopri nuova musica con la nostra playlist su Spotify: “Nuove Scoperte – Atom Heart Magazine.

Commenta

Torna in alto