fbpx

Addio al poeta e attore Benjamin Zephaniah: ci lascia un’Icona culturale

Il mondo perde un’icona culturale con la scomparsa di Benjamin Zephaniah, il rinomato scrittore, poeta e attore noto anche per il suo ruolo nella serie di successo “Peaky Blinders“. Zephaniah, a 65 anni, ci ha lasciato otto settimane dopo la diagnosi di un tumore al cervello.

Benjamin Zephaniah

Benjamin Zephaniah e la battaglia contro il tumore

Dopo essergli stato diagnosticato un tumore al cervello otto settimane fa, Benjamin Zephaniah ha lottato coraggiosamente contro la malattia. La notizia della sua morte è stata condivisa dalla moglie su Instagram.

Il ruolo in “Peaky Blinders”

Oltre alla sua carriera letteraria, Benjamin Zephaniah ha lasciato un’impronta duratura come attore. Il suo personaggio, Jeremiah “Jimmy” Jesus in “Peaky Blinders è stato amato dai fan per la sua interpretazione impeccabile in 14 episodi tra il 2013 e il 2022.

Origini e Successi Letterari

Nato e cresciuto a Handsworth, Birmingham, Benjamin Zephaniah ha affrontato le sfide della dislessia, lasciando la scuola a 13 anni. Tuttavia, questo non lo ha fermato. A 22 anni, ha pubblicato il suo primo libro, “Pen Rhythm“, aprendo la strada a una prolifica carriera letteraria.

Leggi anche  East Market, all’edizione di febbraio debutta anche il nuovo shop online

Poesia Dub e Impegno Sociale di Benjamin Zephaniah

Benjamin Zephaniah è stato un pioniere nella poesia dub, uno stile influenzato dalla cultura giamaicana. Ha utilizzato la sua arte per affrontare temi come gli abusi razziali e l’istruzione, diventando un volto familiare in programmi televisivi britannici.

Rifiuto dell’Onorificenza:

Nel 2003, Zephaniah ha rifiutato l’onorificenza di ufficiale dell’Ordine dell’Impero Britannico, protestando contro l’associazione con l’imperialismo e la schiavitù britannica. Questo atto ha evidenziato la sua coerenza e impegno per le sue convinzioni.

Benjamin Zephaniah ha lasciato un vuoto nel mondo della cultura, ma il suo lascito vive attraverso le sue opere che hanno ispirato e sfidato le norme. La sua voce distintiva, sia nella scrittura che nell’arte drammatica, continuerà a resonare e a ispirare le generazioni future. Addio a un gigante creativo che ha plasmato il panorama culturale con la sua straordinaria versatilità.

Commenta

Torna in alto