fbpx

La Profezia di Celestino, di James Redfield – Holden Cafè #8

La Profezia di Celestino è un romanzo di James Redfield del 1993. Un racconto che intreccia parabola e avventura per offrire un proprio percorso d’iniziazione.

La Profezia Di Celestino, di James Redfield

James Redfield – La Profezia Di Celestino – Holden Cafè – Tutti I Libri Che Dici Di Aver Letto

20 Milioni di copie vendute, tradotto in 34 lingue (ristampato 50 volte  soltanto in Italia con  oltre 1 milione di copie vendute). Questi i numeri del romanzo di James Redfield uscito nel 1993. Diventato immediatamente un libro di culto, tra i romanzi iniziatici, sicuramente quello meno ermetico e più “commerciale”, se cosi si può definire.

Ma, per quanto un racconto, un romanzo, una storia, possano essere pieni di riferimenti e messaggi più o meno celati, la volontà di carpire questi ultimi resta sempre a discrezione del lettore.

Pertanto, percorrere la strada delle 9 illuminazioni descritte in questo libro, pagina dopo pagina, è di per sé sicuramente importante, ma rimane il come a fare una sostanziale differenza.

La Profezia di Celestino è sicuramente una sorta di specchio gigante sulle nostre vite. Una doccia fredda che risveglia i nostri sensi, un campanello che ci ricorda che l’esistenza è molto più di quello che i nostri sensi riescono a percepire, che esiste un universo sconfinato che ci circonda e ci abbraccia, e che aspetta soltanto di essere scoperto.

Leggi anche  Alchemy Of Life, pubblica il nuovo album "Journey To Nowhere"

Acquistalo su Amazon.

Questo libro ha davvero cambiato radicalmente la vita di milioni di esseri umani su questo pianeta.

Con una romanzata storia avventurosa, scorrevole e ben scritta, Redfield ci ricorda dell’esistenza di una grande unica connessione tra tutte le cose, la rete immensa del creato, che unisce ogni creatura del pianeta come in un unico pulsante cuore. Non resta che destarsi, aprire i nostri veri occhi all’immensa meraviglia dell’esistere, in un risveglio spirituale che è soltanto l’inizio del vero viaggio dell’esistere.

Commenta

Torna in alto