fbpx

Dream, i sognatori hanno cambiato il mondo. Il nuovo disco di E.L.F.O.

xr:d:DAF_wJ2JhA0:5,j:8556135330510679800,t:24031708

Dopo la pubblicazione di Grafite nel 2019, E.L.F.O., rapper di Reggio Calabria attivo dal 1998 e da anni ormai con base a Ferrara, pubblica oggi il suo secondo disco solista ufficiale dal nome Dream.

Il disco, fuori per l’etichetta ravennate PMS e distribuito da Virgin Music, contiene undici tracce dal sapore tipicamente Hip-hop influenzate dallo stile unico e Raggaemuffin di Elfo. Il disco, fresco e genuino, alterna brani con pianoforte e voce a brani puramente dance sempre in linea con un concept impegnato.

Elfo spiega:” Questo disco si chiama Dream perché sono stato sempre un sognatore convinto che i sognatori hanno cambiato il mondo. Ho il sogno che la mia musica arrivi e che arrivi il messaggio che non sono allineato coi rapper e i prodotti di oggi. Non ho testi misogini e non faccio il gangster. A differenza di quello che si pensa, io vengo dalla strada e la racconto, ma non faccio testi con pistole e coca solo per fare hype.”

Dream, anticipato nei mesi scorsi dai singoli Pappappara, Beverly Hills, Da un momento all’altro, propone tematiche legate alla vita dell’artista. Non mancano i momenti di scherzo come in The Real Pellicula, ma anche momenti forti come la morte di suo fratello. Elfo, maestro di kickboxing terzo Dan, trae spunto da questa disciplina e dal caso Willy Montenero per parlare di rispetto della vita, forza interiore e volontà personale.

Leggi anche  Mondo Generator - Roma 29/04/2024

Insieme al disco, che contiene i featuring di Martina Borsari, Krizoo, Dj D.Lo.Z., Lane, Chiara Bincoletto, OnlyCustomBeats, Zeus One, Max Fogli, Ares Adami e Klacat, esce il video del quarto singolo estratto, Ora feat Jei En. Il video, realizzato da Sound&Light (PMS Studio), è stato girato all’interno di un teatro che valorizza gli aspetti cupi e riflessivi legati al brano.

Il disco, disponibile in tutti gli store digitali, è un prodotto autentico e capace di essere apprezzato dai cultori dell’hip hop e anche da un pubblico più vasto.

Commenta

Torna in alto