#Venezia73: recensione di The Light Between Oceans (La Luce Sugli Oceani)
  • close
    Breaking news

    Vasco Live 2023 – Vasco Rossi tornerà ad esibirsi dal vivo nell’es...read more The Car è il settimo album in studio del gruppo rock inglese Arctic Monkeys, p...read more I Blink-182 hanno annunciato il loro ritorno in formazione originale con un nuo...read more Marvel Studios ha diffuso il trailer finale di Black Panther: Wakanda Forever, ...read more Quella di ieri sera a Roma è stata la seconda data italiana del tour degli Ope...read more The Last Of Us sarà trasmessa in Italia in contemporanea con gli Stati Uniti. ...read more Wanna, la nuova docu-serie originale italiana di Netflix è dedicata a Wanna Ma...read more Anastacia torna in Italia in occasione dei 22 anni di carriera con un nuovo to...read more Ultim’ora da Twitch: dal 18 ottobre non si potrà più streammare gioco d...read more Adam Levine, il frontman dei Maroon 5, è accusato dall’influencer Sumner...read more

    #Venezia73: recensione di The Light Between Oceans (La Luce Sugli Oceani)

    The-Light-Between-Oceans-vikander-fassbender-pic

    Dopo aver visto La La Land avevamo un po’ paura di buttarci in una sala a vedere un film che rischiava di deludere le aspettative, però – convinti che con la formula Fassbender-Vikander non si potesse sbagliare – abbiamo deciso di fidarci di Derek Cianfrance e di andare in sala a vedere The Light Between Oceans.

    The Light Between Oceans (in italiano La luce sugli oceani), film in concorso alla 73.Mostra del Cinema di Venezia, con regia e sceneggiatura di Cianfrance, è tratto dal best seller di M.L. Stedman; racconta la storia di un guardiano di un faro (Michael Fassbender) e di sua moglie (Alicia Vikander) che, dopo aver passato anni a cercare di avere un figlio senza riuscirci, trovano un bambina in mare, alla deriva, e decidono di adottarla spacciandola per la figlia naturale della coppia.

    Come già si può  capire dalla trama, si tratta di una storia piuttosto banale, e che purtroppo non viene aiutata per niente dalla sceneggiatura che, soprattutto nella prima parte, sembra essere allungata a dismisura. Nella seconda parte, invece, la storia sembra incompleta. Utilizzando un plot twist scontatissimo lo sceneggiatore inizia a correre per arrivare al finale.

    La narrazione manca di un vero e proprio climax e lascia con un senso di insoddisfazione. Anche le interpretazioni di due bravissimi attori come Vikander e Fassbender non riescono a coinvolgere, anzi, nonostante gli sforzi, i due non sembrano mai entrare nei rispettivi personaggi.

    The Light Between Oceans è un film ambizioso confezionato per la awards season, ma che manca di elementi che lo renderebbero un vero contendente: innanzitutto, le musiche di Alexandre Desplat sembrano degli scarti delle sue composizioni per gli ultimi film “impacchettati” per gli Oscar (The Danish Girl, The Imitation Game); inoltre, nonostante qualche sforzo di dare un’impronta stilistica all’opera, la regia risulta banale e poco ispirata, e la fotografia è quanto di più già visto ci possa essere.

    In conclusione, forse quella di The Light Between Oceans era una storia che non valeva la pena di essere raccontata, e di  certo non in questo modo.






    Entra in Atom Heart Cafè!

    Ogni sabato mattina alle 10.00 riceverai la nostra newsletter con le notizie più interessanti della settimana!

    Ti aspettiamo per un caffè insieme!


    Non inviamo spam! Riceverai una sola mail a settimana!
    Cookie policy.

    Tag:, , , , , , , , ,

    No Comments
    Story Page