“Tutto il mondo è paese”
  • close
    Breaking news

    “Lo Chiamavano Trinità”, uno dei classici per eccellenza del cinem...read more Il 26 ottobre, i Muse saranno in concerto all’Alcatraz di Milano. ...read more Manca una settimana all’attesissimo concerto di Vasco Rossi a Messina. ...read more Social Distortion live al Carroponte, Sesto San Giovanni (Milano). Special Gues...read more È partita una campagna di autofinanziamento dal basso, che ha lo scopo di recu...read more Un nuovo report di Kotaku fa filtrare un’interessante indiscrezione: Hang...read more Bloodborne potrebbe finalmente tornare. “Non abbiamo ancora visto tutto&#...read more Inaugurata poche sere fa a Milano la sesta replica di Balkanica, la mostra fot...read more THE WHITE BUFFALO sarà finalmente dal vivo in data unica nel nostro Paese il ...read more Coachella Valley Music and Arts Festival 2022. Decine di artisti si esibiranno ...read more

    “Tutto il mondo è paese”

    A quanto pare la condizione dei musicisti (professionisti e non) non è proprio rosa e fiori in questo periodo. E sembra che la patria dei Rolling Stones e dei Beatles,il paese da cui nascono Led zeppelin e Pink Floyd non faccia eccezione. Una ricerca commissionata dalla Musicians’ Union, associazione nazionale di categoria, mette in evidenza che nell’ultimo anno circa il 60 per cento dei musicisti dilettanti si esibisce gratis mentre i professionisti recepisce meno di 20.000 sterline.

    John smith, segretario generale dell’associazione  ricorda,”moltissimi membri dell’organizzazione sono proprietari di piccole e medie imprese che lottano contro un’ondata di tagli alle arti e una riduzione delle entrate dovute alla pirateria” il segretario sostiene inoltre che: “Piccoli ma significativi investimenti da parte del governo potrebbero fare una enorme differenza per chi lotta per sopravvivere. Quel che è interessante è che tra i musicisti sondati dalla ricerca e che incassano royalty (come autori o interpreti), più della metà ha spiegato che esse hanno rappresentato per loro una importante fonte aggiuntiva di entrate. Ciò sconfessa definitivamente la tesi secondo cui i normali musicisti non traggono benefici dalla tutela dei copyright“.

    Tag:, , , , , , ,

    No Comments
    Story Page

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi