Testo Salmo – L'uomo contro l'ombra
  • close
    Breaking news

    “Lo Chiamavano Trinità”, uno dei classici per eccellenza del cinem...read more Il 26 ottobre, i Muse saranno in concerto all’Alcatraz di Milano. ...read more Manca una settimana all’attesissimo concerto di Vasco Rossi a Messina. ...read more Social Distortion live al Carroponte, Sesto San Giovanni (Milano). Special Gues...read more È partita una campagna di autofinanziamento dal basso, che ha lo scopo di recu...read more Un nuovo report di Kotaku fa filtrare un’interessante indiscrezione: Hang...read more Bloodborne potrebbe finalmente tornare. “Non abbiamo ancora visto tutto&#...read more Inaugurata poche sere fa a Milano la sesta replica di Balkanica, la mostra fot...read more THE WHITE BUFFALO sarà finalmente dal vivo in data unica nel nostro Paese il ...read more Coachella Valley Music and Arts Festival 2022. Decine di artisti si esibiranno ...read more

    Testo Salmo – L'uomo contro l'ombra

    Testo: L’uomo contro l’ombra

    Artista: En?gma

    Album: Machete Mixtape

    Anno:  2012

    Io sono l’uomo, da sempre con l’ombra,
    mi tiene compagnia tramite luce a notte fonda,
    la scorgo se cammino fra i lampioni in solitudine,
    enigmi nei sorrisi, attitudine gioconda, ricorda
    chi sono anche se ormai non me ne importa,
    mi vede dare messa con la croce capovolta,
    tutti quanti in coro: “non aprire quella porta!”,
    lei segue le mie braccia mentre il corpo la sfonda,
    domanda? nessuna, e allora si esagero
    passatemi quell’acido che mascheriamo il panico.
    Fegato drammatico, polmoni in stato brado
    ma per il circondariato almeno sono più simpatico,
    lei mi guarda male, ma io mi sento vivo,
    la mando all’inferno dal mio finto paradiso
    ogni segno sopra il viso è una ferita dentro l’animo,
    una firma in corsivo, di quando sei sparito e non capivo.

    Rit [x2]
    La gente che ti vede dice: “Hey sei in forma!”
    la testa con la voce dentro che rimbomba,
    la gente che ti chiede: “Como Estas?” Eh insomma,
    ho perso la mia ombra, ho perso la mia ombra!

    Io sono l’ombra, da sempre con l’uomo,
    da quando era un neonato, gemevamo il primo suono,
    che dopo da bambino che paura per il tuono,
    e adesso il ragazzino si fa grande sotto il duomo,
    io non sono la coscienza, non t’ho mai rimproverato
    ho appoggiato l’incoscienza dimmi un po’ dove ho sbagliato,
    t’ho visto fare il figlio disgraziato,
    tradire per tre volte quel fiore di cui t’eri innamorato,
    pathos in rima è ciò che scrivi, fiato
    sprecato appresso a quella voce perso venti chili,
    giri aspiri poi tiri sfatto, smorfie da stregatto,
    sì, per nascondere i casini, sfili tra la massa giù in pista,
    tratti di merda la tua ombra supponendo che subisca,
    ricordi la paghetta che buttavi in discoteca?
    da quando son sparita ti ci paghi l’analista.

    Rit [x2]
    La gente che ti vede dice: “Hey sei in forma!”
    la testa con la voce dentro che rimbomba,
    la gente che ti chiede: “Como Estas?” Eh insomma,
    ho perso la mia ombra, ho perso la mia ombra!

    Tag:, , , , , , ,

    No Comments
    Story Page

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi