Testo Caneda – La Promessa Di Pinocchio
  • close
    Breaking news

    “Lo Chiamavano Trinità”, uno dei classici per eccellenza del cinem...read more Il 26 ottobre, i Muse saranno in concerto all’Alcatraz di Milano. ...read more Manca una settimana all’attesissimo concerto di Vasco Rossi a Messina. ...read more Social Distortion live al Carroponte, Sesto San Giovanni (Milano). Special Gues...read more È partita una campagna di autofinanziamento dal basso, che ha lo scopo di recu...read more Un nuovo report di Kotaku fa filtrare un’interessante indiscrezione: Hang...read more Bloodborne potrebbe finalmente tornare. “Non abbiamo ancora visto tutto&#...read more Inaugurata poche sere fa a Milano la sesta replica di Balkanica, la mostra fot...read more THE WHITE BUFFALO sarà finalmente dal vivo in data unica nel nostro Paese il ...read more Coachella Valley Music and Arts Festival 2022. Decine di artisti si esibiranno ...read more

    Testo Caneda – La Promessa Di Pinocchio

    Testo: La Promessa Di Pinocchio
    Album: Nato nell’acqua
    Artista: Caneda
    Anno: 2012

    Tu chiudi con il passato ma il passato non chiude con te.

    – rit. (x1):
    Non ho attraversato altre città che te,
    poesie che te, strade che te, buio che te, stelle che te,
    non ho attraversato non ho attraversato non ho attraversato città come me,
    corri come me, giochi come me, di legno come me, come me come me, come me come me
    a tutti cresce il naso tranne che a me.

    Magari fossi Benigni e la mia vita un film
    vorrei amarti, hai un cuore da prestarmi?
    il mio è di stagno e un po’ mi vergogno
    la mia pelle è legno con sopra un tatuaggio
    se fossi di carne non direi bugie
    ma se fossi di carne scriverei bugie
    come fai a baciarmi, attenta ai chiodi
    sei uno dei miei, io dovrei essere uno dei tuoi giochi.

    -rit. (x1)

    Vi presenterò la sola marionetta al mondo che canti e balli assolutamente senza l’aiuto dei fili. Il solo, il grande, Pinocchio!

    Ad ogni donna nuova cresce una bugia nuova cresce nel mio giardino laggiù in porta nuova dove coltivo fiori che poi mi uccideranno
    la mia lingua tesse, la mia lingua è un ragno.

    – rit. (x1)

    Milano è una balena
    cammino nel suo ventre
    dipingo col solvente ma oggi ho fatto un danno
    so che mi arresteranno
    so che non mi ameranno
    vostro onore mi condanni tanto non piango
    incubi neri neri come carabinieri neri villi con suoni veri il mangiafuoco i suoi averi di legno sì ma con gli occhi neri baciami prima che piango ho detto ti amo, ma il naso non si allunga.

    – rit. (x1)

    Tag:, , , , , ,

    No Comments
    Story Page

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi