Testo Caneda – In un mondo perfetto
  • close
    Breaking news

    “Lo Chiamavano Trinità”, uno dei classici per eccellenza del cinem...read more Il 26 ottobre, i Muse saranno in concerto all’Alcatraz di Milano. ...read more Manca una settimana all’attesissimo concerto di Vasco Rossi a Messina. ...read more Social Distortion live al Carroponte, Sesto San Giovanni (Milano). Special Gues...read more È partita una campagna di autofinanziamento dal basso, che ha lo scopo di recu...read more Un nuovo report di Kotaku fa filtrare un’interessante indiscrezione: Hang...read more Bloodborne potrebbe finalmente tornare. “Non abbiamo ancora visto tutto&#...read more Inaugurata poche sere fa a Milano la sesta replica di Balkanica, la mostra fot...read more THE WHITE BUFFALO sarà finalmente dal vivo in data unica nel nostro Paese il ...read more Coachella Valley Music and Arts Festival 2022. Decine di artisti si esibiranno ...read more

    Testo Caneda – In un mondo perfetto

    Testo: In un mondo perfetto
    Album: Nato nell’acqua
    Artista: Caneda
    Anno: 2012

    E se il mondo fosse come un Picasso
    come un baro, senza un asso
    come il rap di Noyz o come il rap di Ghemon
    odio stare nel mezzo ma ‘sto mondo è grigio
    e se fosse come un film di Alfred Hitchcock
    o come un porno, tipo “Sudden Cock”
    magari fosse un ladro, magari fosse onesto
    ma dietro ad una guerra c’è sempre un ministro
    e dietro ad un ministro c’è sempre un grilletto
    c’è sempre un coltello in un giorno perfetto
    c’è sempre dell’odio dentro a un matrimonio
    senza urina non servirebbero piscine al cloro
    senza vanità a che servirebbe l’oro
    senza una lama avremmo ancora Caino
    se ci fosse pace non servirebbero Gesù, Gandhi, Guevara, Rabbi in croce

    RIT (x5)

    In un mondo perfetto, questo giorno perfetto.

    Mettiamo che funziona, che non si guasti mai
    sarebbe noiosa la vita senza dei guai
    allora vedi che il cancro del mondo siamo noi
    mai contenti, sempre persi, in lotta con gli Dei
    ma siamo soli e Dio siamo noi
    cerchiamo qualcuno più in alto di noi, per non pagare noi
    se questa volta riusciremo a scappare dal cesso
    prendo a calci il mondo ma è sgonfio
    prendo il mio flauto, ho i razzi dietro
    o incanto il mondo, o ce l’ho dietro
    se fosse tutto di carta capirei il denaro
    ma siamo di carne e la carta non si può mangiare
    o credi di Dio o nelle Jordan
    ma Jordan è Dio, crocifisso su una scarpa
    che schiaccia un’altra volta
    e se il futuro è un film, il suo nome è “Non aprite quella porta”

    RIT (x5)

    Tag:, , , , , ,

    No Comments
    Story Page

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi