Testo Aban – Penna e Quaderno
  • close
    Breaking news

    Un nuovo report di Kotaku fa filtrare un’interessante indiscrezione: Hang...read more Bloodborne potrebbe finalmente tornare. “Non abbiamo ancora visto tutto&#...read more Inaugurata poche sere fa a Milano la sesta replica di Balkanica, la mostra fot...read more THE WHITE BUFFALO sarà finalmente dal vivo in data unica nel nostro Paese il ...read more Coachella Valley Music and Arts Festival 2022. Decine di artisti si esibiranno ...read more “Unlimited Love” è il dodicesimo album in studio del gruppo musica...read more Patrizia Bonetti dice addio all’Isola dei Famosi: è ufficiale. La 26enne mo...read more FIFA 23 – EA Sports e FIFA si diranno addio, una delle più iconiche coll...read more Da lunedì 21 marzo, Michelle Hunziker tornerà alla conduzione di Striscia La ...read more Rivoluzione nel palinsesto Rai a causa degli ascolti sotto le aspettative, la f...read more

    Testo Aban – Penna e Quaderno

    Testo: Penna e Quaderno

    Album: Nessun Rimorso

    Artista: Aban

    Anno: 2010

    Testo Penna e Quaderno

    Non è soltanto un passo che segna l’andatura,
    Non basta un solo libro per parlare di scrittura,
    E se sei senza titoli tu non aver paura
    Non è solo una laurea che dimostra una cultura

    Rit.
    Non gira tutto sulla scuola e l’università
    la vità insegna l’esperienza come facoltà.
    Vivi lo scibile fottendo con le avversità
    non esiste limite sequestracene a volontà
    Non è solo un esame che dimostra la maturità
    ciò che sei ciò che vivi è la tua vera età.
    Non gira tutto sullo schema della società
    questa è la mia vità nuova classe nuovo rap

    Ho cominciato presto libri penne e quaderno
    andavo a letto tardi guardavo l’alba di inverno
    mentre sognavo un palco e basi per ogni pezzo
    e casse rullanti il suono che batteva il mio tempo
    Il giorno passava lento tra i banchi delle scuole
    e quelle che cambiavo non sembravano mai nuove
    Pagella nada 9 sopra i libri poche ore
    ero il peggio della classe con il genio per le note
    Odiavo il professore e tutte le sue parole
    mentre rollavo sotto il banco per ricreazione
    Mi parlavano ridendo e mettendo in dubbio il talento convinti che la vita fosse un voto sul quaderno
    Le cuffie e testa alta occhi sotto il cappello
    Beki doppia XL segno del mio movimento
    con in testa un solo sogno che non è mai stato l’oro
    essere qualcuno per me stesso non certo per loro.

    Rit.
    Non gira tutto sulla scuola e l’università
    la vità insegna l’esperienza come facoltà.
    Vivi lo scibile fottendo con le avversità
    non esiste limite sequestracene a volontà
    Non è solo un esame che dimostra la maturità
    ciò che sei ciò che vivi e la tua vera età.
    Non gira tutto sullo schema della società
    questa è la mia vità nuova classe nuovo rap

    E stavo all’ombra dei palazzi sopra le panchine
    dedicanto giorni e notti intere solo a fare rime
    o sotto il sole in mezzo a scazzi tra le comitive
    buste nere, gli albanesi, al grammo 100 lire
    ed ho imparato la lezione come funzionava
    e quanto vale una cultura che non è filtrata
    la poca informazione sulla merda che girava
    chiudeva govani ventenni stesi in una bara
    non vedi ciò che ho visto se non sei allo stesso giro
    per questo parlo come magio, e scrivo come vivo
    largo dalle puttanate per sembrare losco
    parlo sporco l’unico linguaggio che conosco
    me ne fotto della moda, delle leggi di mercato,
    della vostra posizione non lo faccio per denaro
    metto peso a queste storie quando dico che è una merda
    se vi vedo a 16 anni che aspirate da una penna

    Rit.
    Non gira tutto sulla scuola e l’università
    la vità insegna l’esperienza come facoltà.
    Vivi lo scibile fottendo con le avversità
    non esiste limite sequestracene a volontà
    Non è solo un esame che dimostra la maturità
    ciò che sei ciò che vivi e la tua vera età.
    Non gira tutto sullo schema della società
    questa è la mia vità nuova classe nuovo rap

    Tra poco passo i 30 ma sono ancora in mezzo
    stessa strada stesso nome stessa zona e senso
    ancora dentro questa storia con lo stesso suono
    e non rinnego niente no niente di quello che sono
    Tutto ciò che ho visto come ciò che ho fatto
    ogni pungno preso ogni pugno dato,
    spesso rende uomo molto più che una carezza al capo
    e oggi sono ancora quello che non è cambiato
    quando il battito del cuore viggia sopra questo tempo
    so di essere al sicuro fisso dentro il mio elemento
    e chi di dietro rideva e mi dava del pazzo
    oggi e sotto il mio palco all’altezza del cazzo
    e non ho ancora un disco d’oro
    ancora faccio il mio lavoro
    mi basta questo per prendere il volo
    fottiti uomo
    non muoio tu non puoi mettermi in croce
    non puoi colpire una voce
    con queste note corro più veloce

    ehi è SudEstRecords, 2.0.1.0, L.E.C.C.E, Big B, Aban, SudEstRecords

    Tag:, , , , , , , , , ,

    No Comments

    No Comments

    • Testo Aban - Penna e Quaderno... ehi ehi è Big B, Tacco al beat, S.U.D., doppia T ehi ehi Rit. Non serve la giuria, l'accusa o l'ispettore oggi le differenze parlano da sole (eeee) non serve la magia, non servono le prove uomini o merde quello che fai è testimone non è per la tua vi...

    • [...] approfondire consulta articolo originale:  Testo Aban – Penna e Quaderno | Il Suono Della Strada Articoli correlati: La Strada Maestra: Le prassi di accompagnamento nel progetto La [...]

    Story Page

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi