Tano E L’Ora D’Aria – Tano E L’Ora D’Aria (Recensione)
  • close
    Breaking news

    Un nuovo report di Kotaku fa filtrare un’interessante indiscrezione: Hang...read more Bloodborne potrebbe finalmente tornare. “Non abbiamo ancora visto tutto&#...read more Inaugurata poche sere fa a Milano la sesta replica di Balkanica, la mostra fot...read more THE WHITE BUFFALO sarà finalmente dal vivo in data unica nel nostro Paese il ...read more Coachella Valley Music and Arts Festival 2022. Decine di artisti si esibiranno ...read more “Unlimited Love” è il dodicesimo album in studio del gruppo musica...read more Patrizia Bonetti dice addio all’Isola dei Famosi: è ufficiale. La 26enne mo...read more FIFA 23 – EA Sports e FIFA si diranno addio, una delle più iconiche coll...read more Da lunedì 21 marzo, Michelle Hunziker tornerà alla conduzione di Striscia La ...read more Rivoluzione nel palinsesto Rai a causa degli ascolti sotto le aspettative, la f...read more

    Tano E L’Ora D’Aria – Tano E L’Ora D’Aria (Recensione)

    Dodici tracce. Dodici uomini di età diverse che raccontano le loro diverse storie, costretti a trascorrere insieme la loro ora d’aria. Questa l’idea alla base dei Tano E L’Ora D’Aria nel loro omonimo album.

    L’idea è perfettamente riuscita. Perché, il quartetto, in dodici pezzi riesce a dimostrare in toto l’incredibile facilità nel destreggiarsi tra diversi generi senza mai stancare, ma – al contrario – riuscendo a dar una forma omogenea al lavoro finale.

    Come detto, nei dodici brani della tracklist ci imbattiamo in altrettante storie diverse, raccontate in diverso modo, sia nei testi che nella musica. Uno dei pezzi più “destabilizzanti” in questo senso è indubbiamente “Dacci Oggi”. Un gospel in stampo USA che fonde ironicamente le preoccupazioni religiose a quelle intestinali: “Dacci oggi il nostro pane quotidiano, ma se puoi daccelo di farina di mais o di grano saraceno, altrimenti noi non lo digeriamo. Dacci l’ostia gluten-free”.

    Un tuffo nel rock’n’roll anni ’50 ci viene invece offerto da “Il Fascino Della Divisa”, dove vengono affrontanti i “vantaggi” di una divisa addosso con accelerazioni ritmiche in grado di spettinare persino il buon vecchio Elvis. Non mancano poi i pezzi più lenti, come “Gazza Ladra”, e le contaminazioni blues de “I diavoli blu” e “Naftalina”.

    In definitiva, siamo di fronte a uno dei progetti più interessanti usciti durante l’anno. Considerando che si tratta di un’opera prima, non ci resta che attendere cosa ci riserveranno i quattro in futuro. Nel frattempo, godiamoci questa sorta di “manifesto”, dove appare chiaro che sarà davvero complicato definirli e inquadrarli all’interno di un genere o di uno stampo, in quanto – in un solo album – ci hanno dimostrato di poter cambiare repentinamente volto (da un brano all’altro o addirittura nello spazio dello stesso), assurgendo con disinvoltura al ruolo di trasformisti musicali.

    Tag:, , ,

    No Comments
    Story Page

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi