Suffragio universale, ma se sei uno studente Erasmus sono cavoli tuoi
  • close
    Breaking news

    “Lo Chiamavano Trinità”, uno dei classici per eccellenza del cinem...read more Il 26 ottobre, i Muse saranno in concerto all’Alcatraz di Milano. ...read more Manca una settimana all’attesissimo concerto di Vasco Rossi a Messina. ...read more Social Distortion live al Carroponte, Sesto San Giovanni (Milano). Special Gues...read more È partita una campagna di autofinanziamento dal basso, che ha lo scopo di recu...read more Un nuovo report di Kotaku fa filtrare un’interessante indiscrezione: Hang...read more Bloodborne potrebbe finalmente tornare. “Non abbiamo ancora visto tutto&#...read more Inaugurata poche sere fa a Milano la sesta replica di Balkanica, la mostra fot...read more THE WHITE BUFFALO sarà finalmente dal vivo in data unica nel nostro Paese il ...read more Coachella Valley Music and Arts Festival 2022. Decine di artisti si esibiranno ...read more

    Suffragio universale, ma se sei uno studente Erasmus sono cavoli tuoi

    sudenti erasmus votoIl 24 e 25 Febbraio, gli studenti che sono in Erasmus, non potranno votare. A stabilirlo è il Decreto numero 226 del 22 dicembre 2012 del Presidente della Repubblica. Al punto 2 di esso, infatti, si legge: “Cittadini italiani che si trovino temporaneamente all’estero e non appartengano alle tre categorie sopraindicate, (ovvero gli appartenenti alle  Forze armate e alle Forze di polizia temporaneamente all’estero in quanto impegnati nello svolgimento di missioni internazionali; i dipendenti di amministrazioni dello Stato, di regioni o di province autonome, temporaneamente all’estero per motivi di servizio e i professori e ricercatori universitari), potranno votare esclusivamente recandosi in Italia presso le sezioni istituite nel proprio comune di iscrizione nelle liste elettorali”. Tradotto, se chi studia all’estero ha l’irrefrenabile desiderio di esercitare il proprio diritto sancito dalla costituzione di votare (ma guarda un po’ te ‘sti giovani, sempre così impertinenti!), dovrà procurarsi un biglietto aereo, con tutti i costi e le relative ore di viaggio (andata e ritorno, per inciso). È la democrazia, baby. O forse no.

    La loro voce sta trovando maggiore spazio su Facebook, dove è stata aperta una pagina apposita che vi invito a visitare e\o a iscrivervi (eccola). A questo link, invece, trovate il loro comunicato ufficiale. Inoltre, è stata lanciata una petizione online tramite la quale si chiede a Giulio Terzi – Ministro degli Esteri – di prendere in considerazione la possibilità di far partecipare al voto gli studenti Erasmus. Qualora non gli fosse di troppo disturbo, s’intende.

    All’incirca, gli studenti che non potranno votare, sono 25mila. Non certo un dato da poco. Specialmente di questi tempi, in cui si fa un gran parlare del problema dell’astensionismo alle urne, e poi si rende proibitivo il voto proprio a chi fa parte della fascia di popolazione che più di ogni altra, a Febbraio, sarà chiamata a scegliere il proprio futuro.

    Siamo un Paese allo sfascio. Distinti saluti.

    Tag:, , , , , , , , , , ,

    No Comments
    Story Page

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi