Social Distortion in concerto a Milano, recensione
  • close
    Breaking news

    “Lo Chiamavano Trinità”, uno dei classici per eccellenza del cinem...read more Il 26 ottobre, i Muse saranno in concerto all’Alcatraz di Milano. ...read more Manca una settimana all’attesissimo concerto di Vasco Rossi a Messina. ...read more Social Distortion live al Carroponte, Sesto San Giovanni (Milano). Special Gues...read more È partita una campagna di autofinanziamento dal basso, che ha lo scopo di recu...read more Un nuovo report di Kotaku fa filtrare un’interessante indiscrezione: Hang...read more Bloodborne potrebbe finalmente tornare. “Non abbiamo ancora visto tutto&#...read more Inaugurata poche sere fa a Milano la sesta replica di Balkanica, la mostra fot...read more THE WHITE BUFFALO sarà finalmente dal vivo in data unica nel nostro Paese il ...read more Coachella Valley Music and Arts Festival 2022. Decine di artisti si esibiranno ...read more

    Social Distortion in concerto a Milano, recensione

    Social Distortion

    Social Distortion live al Carroponte, Sesto San Giovanni (Milano). Special Guest: Grade2 + Lovebreakers + Viboras. La recensione del concerto milanese.

    Social Distortion

    Mike Ness e soci hanno fatto ritorno dalle nostre parti, per iniziare da Milano il loro primo show europeo in sette anni, con un concerto volto a celebrare la loro storia lunga di oltre 40 anni. 

    Il frontman ha infatti dichiarato:

    “Questo è il tour dell nostro anniversario e in ogni set che facciamo, in ogni spettacolo, cerchiamo di incapsulare qualcosa da ogni disco fatto in questi 40 anni”.

    Ad aprire il concerto i gruppi di supporto: si tratta di Grade2, Lovebreakers e in più un gruppo italiano I Viboras.

    Tanti gli spettatori, per l’unica data concessa dai Social Distortion al pubblico italiano. Tanti ma buoni, a giudicare dall’entusiasmo che ha accompagnato la performance dei quattro californiani con una scaletta da brividi, che non ha mancato di esaltare il vecchio e vecchissimo repertorio in un tripudio di chitarre ruvido-melodiche, ritmi incalzanti e mozzafiato ed una voce – quella del “poeta dei vicoli” Mike Ness – tra le più personali e affascinanti del punk di tutti i tempi.

    Tatuato in buona parte del corpo, e avvinto alla sua chitarra come se da essa dipendesse la propria sopravvivenza, Mike ha dimostrato una volta in più come in ambito rock l’energia e la passione non vadano necessariamente a scemare con l’accrescersi dell’anzianità.

    Con il sostegno di un’amplificazione a dir poco eccellente, i Social Distortion hanno infatti trascinato i presenti con un’ora e mezza di straordinario punk’n’roll, rendendo credibile l’illusione che il palco del Carroponte fosse in realtà quello di qualche storico club losangelino.  

    No Comments
    Story Page

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi