Sneijder attacca l’Inter: “Hanno provato a farmi a pezzi, il loro crollo non mi dispiace"
  • close
    Breaking news

    Vasco Live 2023 – Vasco Rossi tornerà ad esibirsi dal vivo nell’es...read more The Car è il settimo album in studio del gruppo rock inglese Arctic Monkeys, p...read more I Blink-182 hanno annunciato il loro ritorno in formazione originale con un nuo...read more Marvel Studios ha diffuso il trailer finale di Black Panther: Wakanda Forever, ...read more Quella di ieri sera a Roma è stata la seconda data italiana del tour degli Ope...read more The Last Of Us sarà trasmessa in Italia in contemporanea con gli Stati Uniti. ...read more Wanna, la nuova docu-serie originale italiana di Netflix è dedicata a Wanna Ma...read more Anastacia torna in Italia in occasione dei 22 anni di carriera con un nuovo to...read more Ultim’ora da Twitch: dal 18 ottobre non si potrà più streammare gioco d...read more Adam Levine, il frontman dei Maroon 5, è accusato dall’influencer Sumner...read more

    Sneijder attacca l’Inter: “Hanno provato a farmi a pezzi, il loro crollo non mi dispiace”

    È un Wesley Sneijder al veleno quello che intervistato dal Telegraaf, ha attaccato in modo durissimo l’Inter: “Mi è sembrato terribile per giocatori e tifosi, ma per altre persone non mi è per niente dispiaciuto che il club sia finito a metà classifica in Serie A, rimanendo fuori dall’Europa e cambiando anche allenatore”.

    Se non avessi avuto la personalità che ho – dichiara l’ex trequartista dell’Interdopo un’esperienza del genere non sarei più riuscito a giocare a calcio. Hanno provato in tutti i modi a farmi a pezzi: tutti i giorni ce n’era una. Un esempio? Una volta ho portato una persona con me all’allenamento e l’ho lasciata al bar con gli ospiti degli altri giocatori. Quando sono tornato a prenderlo era scomparso. Lo avevano mandato via dal bar, mettendolo in uno sgabuzzino senza finestre”.

    “È stato un periodo di alti bassi – conclude Wesley Sneijder ora al Galatasaray, in cui ogni tanto ero molto giù, ma poi mi riprendevo. Molte persone all’Inter non meritano più la mia fiducia. Una situazione del genere, a volte, ti irrobustisce. Per fortuna c’era mia moglie Yolanthe con me a Milano, e lei riusciva calmarmi. Se ci fosse stato mio padre, lui avrebbe perso la testa. Spero comunque che coloro che prendono le decisioni all’interno del club inizino a meditare, perché quello che è accaduto non è degno dell’Inter”.






    Entra in Atom Heart Cafè!

    Ogni sabato mattina alle 10.00 riceverai la nostra newsletter con le notizie più interessanti della settimana!

    Ti aspettiamo per un caffè insieme!


    Non inviamo spam! Riceverai una sola mail a settimana!
    Cookie policy.

    Tag:, , , , , ,

    No Comments
    Story Page