Sanremo 2019 - Le pagelle della quarta serata
  • close
    Breaking news

    Un nuovo report di Kotaku fa filtrare un’interessante indiscrezione: Hang...read more Bloodborne potrebbe finalmente tornare. “Non abbiamo ancora visto tutto&#...read more Inaugurata poche sere fa a Milano la sesta replica di Balkanica, la mostra fot...read more THE WHITE BUFFALO sarà finalmente dal vivo in data unica nel nostro Paese il ...read more Coachella Valley Music and Arts Festival 2022. Decine di artisti si esibiranno ...read more “Unlimited Love” è il dodicesimo album in studio del gruppo musica...read more Patrizia Bonetti dice addio all’Isola dei Famosi: è ufficiale. La 26enne mo...read more FIFA 23 – EA Sports e FIFA si diranno addio, una delle più iconiche coll...read more Da lunedì 21 marzo, Michelle Hunziker tornerà alla conduzione di Striscia La ...read more Rivoluzione nel palinsesto Rai a causa degli ascolti sotto le aspettative, la f...read more

    Sanremo 2019 – Le pagelle della quarta serata

    Siccome qui non so che scrivere, cito Morgan a caso: Dio ti prego segnati ‘sti nomi. Bene, adesso passiamo ai voti.

    Federica Carta e Shade e Cristina D’Avena: 4. Il pezzo fa sempre schifo, ma almeno adesso sembra il pomeriggio di Italia 1 degli anni ’90 e ne guadagna. Poco. Ma ne guadagna. Aridatece Rossana e Piccoli Problemi Di Cuore.

    Motta e Nada: 8. Si vola alti. Altissimi.

    Irama e Noemi: 1. Niente, ‘sto pezzo resta orrendo in tutte le salse e chiunque lo interpreti. Che roba brutta brutta brutta. Dispiace per la voce di Noemi sprecata in questo modo assurdo.

    Patty Pravo e Briga con Caccamo: 2,5. Alla quarta serata, la voce di Patty Pravo è abbastanza a terra. Un po’ come le nostre palle quando canta (?) Briga.

    Negrita con Enrico Ruggeri e Roy Paci: 8,5. Ci scappa del rock, ciccio (cit). Abbracciamoci forte.

    Il Volo con Alessandro Quarta: 2-. Una discreta mazzata sui coglioni. Ho altri masochismi, ragazzi miei.

    Arisa con Tony Hadley e i Katalo: 7,5. Due voci pazzesche e un “missssento beeeaneeeeaaa” di Tony Hadley che rimarrà nei secoli dei secoli e ho già provveduto a impostare come sveglia ogni mattina.

    Mahmood con Guè Pequeno: 8. Mahmood spacca. Con Guè si fondono alla perfezione. E la zarroganza del buon Cosimo Fini regna sovrana. Come cazzo era vestito?

    Ghemon con Diodato e Calibro 35: 9. Per la perfezione c’è ancora tempo, per emozionarci basta alzare il volume in cuffia e ascoltare le voci di Ghemon e Diodato. I Calibro 35 son sempre una garanzia.

    Francesco Renga con Bungaro e le due etoile Abbagnato e Vogel: 4. ‘Sta roba possono confezionarla come vogliono. Ci possono mettere Bungaro, le ballerine, i carri a festa e le stelle filanti. Tutto inutile.

    Ultimo con Moro: 3. Steccano. Urlano. Fracassano. Fanculo tutti e due. Davvero.

    Nek e Marcorè: 3,5. Devo decidere chi dei due sia stato peggio. Il problema è che me ne frega davvero poco e quindi passiamo ad altro.

    Boomdabash con Rocco Hunt e i cantori di Milano: 3. Estate. A febbraio. All’Ariston. Con lo zecchino d’oro e Alvin Superstar. Fermateli. Fermatevi.

    The Zen Circus con Brunori Sas: 8. Arrangiamento pazzesco. Con Brunori diventa una figata.

    Paola Turci con Beppe Fiorello: 9. Paola regna su tutto e tutti. Il duetto con Beppe Fiorello emoziona. Fenomenale.

    Anna Tatangelo con Syria: 2. Se per voi va bene, io me ne dimenticherei anche subito.

    Ex-Otago con Jack Savoretti: 4,5. Spentissimi. Dispiace per Savoretti che merita tantissimo.

    Enrico Nigiotti con Paolo Jannacci e Massimo Ottoni: 8. Nigiotti sta maturando a vista d’occhio. Bene così. Il pericolo della trasformazione in Grignani sembra ormai passato.

    Loredana Berté con Irene Grandi. 8. La Bertè è più rock di tutti. Il pezzo continua a non essere un granché, ma lei tiene in piedi tutto. Spettacolo puro.

    Daniele Silvestri e Rancore con Manuel Agnelli: 10. Prendi la parte migliore del rap italiano (Rancore), un pezzo di storia del rock italiano (Manuel Agnelli) e aggiungi uno dei pochi veri cantautori rimasti (Daniele Silvestri). Risultato? Hai fatto crollare l’Ariston. I migliori di tutti.

    Einar con Biondo e Sergio Sylvestre: 2. Va beh. Biondo (chi?) con l’autotune pure per dire grazie. Dovrebbero scattare le manette.

    Simone Cristicchi con Ermal Meta: 8,5. Il duo funziona a meraviglia. Il pezzo di Cristicchi è poesia pura. Religioso silenzio qui.

    Nino D’Angelo e Livio Cori con i Sottotono: 3. Dato che la canzone è un tormento, loro con Tormento ci duettano. GENI. Sembra la sagra del crostone a Strozzacapponi.

    Achille Lauro con Morgan: 11. No, no. Il pezzo resta sempre una finissima porcheria. Ma abbiamo scritto la storia, signori miei. Strafatti di LSD e spaccati ammerda. Ma cazzo se l’abbiamo scritta. Morgan che chiude nominando gente a caso e dicendo a Dio “ti prego segnati ‘sti nomi”. Momento inarrivabile nel passato, nel presente e nel futuro. L-E-G-G-E-N-D-A!

    Ligabue: 10. Non si potrebbe valutare. Ha scritto pagine di vita per generazioni. Le scenette comiche iniziali possiamo anche far finta di non averle mai viste. Liga è Liga. E sarà sempre Liga. Grazie di tutto, fratello.

    Anastasio: 4. Il rapperino per famiglie scrive un pezzo appositamente per “duettare” con Bisio. Non se ne capisce il motivo e campavamo bene anche senza. Però, tant’è. Amen.

    Claudio Baglioni: 6 d’ufficio (spiegato qui). Oggi gli ospiti erano pochi e il duetto con Anastasio gliel’ha fottuto Bisio. Danni limitati. (Voto reale: 3)

    Claudio Bisio e Virginia Raffaele: 0,7. Peggiorare di serata in serata non è cosa da tutti. Bravi. Per la finale cosa avete in programma, l’armageddon direttamente? (Vale sempre il principio per cui il loro voto sia la somma del voto dei singoli: fatevi due calcoli, non posso far sempre tutto io!).

    Premio per il miglior duetto

    Vincono Motta con Nada. Erano nel mio personale podio, ma venivano dopo Silvestri e Rancore con Agnelli e Paola Turci con Beppe Fiorello. Frega niente a nessuno, lo so, ma qualcosa in merito dovevo pur scrivere.

    A domani, per l’ultimo sforzo. E dico “Ultimo” non a caso. Ha già vinto. Il televoto farà disastri come sempre. Piangiamo forte.

    Tag:, , , , , , , , , ,

    No Comments
    Story Page

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi