Sanremo 2018: le pagelle della terza serata
  • close
    Breaking news

    Un nuovo report di Kotaku fa filtrare un’interessante indiscrezione: Hang...read more Bloodborne potrebbe finalmente tornare. “Non abbiamo ancora visto tutto&#...read more Inaugurata poche sere fa a Milano la sesta replica di Balkanica, la mostra fot...read more THE WHITE BUFFALO sarà finalmente dal vivo in data unica nel nostro Paese il ...read more Coachella Valley Music and Arts Festival 2022. Decine di artisti si esibiranno ...read more “Unlimited Love” è il dodicesimo album in studio del gruppo musica...read more Patrizia Bonetti dice addio all’Isola dei Famosi: è ufficiale. La 26enne mo...read more FIFA 23 – EA Sports e FIFA si diranno addio, una delle più iconiche coll...read more Da lunedì 21 marzo, Michelle Hunziker tornerà alla conduzione di Striscia La ...read more Rivoluzione nel palinsesto Rai a causa degli ascolti sotto le aspettative, la f...read more

    Sanremo 2018: le pagelle della terza serata

    Le pagelle della terza serata del Festival di Sanremo 2018

    Claudio Baglioni: 4. Virginia Raffaele lo sveglia per un po’, poi cade nuovamente in quella bolla sospesa tra rincoglionimento e autocelebrazione (manco avesse scritto i testi di Guccini, tra l’altro). Altre sei ore effettive di concerto tra un pezzo lo canto da solo, uno con l’ospite, l’altro con uno del pubblico e un duetto con il jingle pubblicitario che-non-me –lo-faccio? Comprategli un Canta Tu o quello che volete, ma per pietà basta. BASTA CAZZO.

    Michelle Hunziker: 5. La roba spacciata per omaggio alle donne era oggettivamente inguardabile. Dai ciccia, c’hai l’associazione e tutto, ma rispondi all’inchiesta del Fatto Quotidiano con i dati, non con quattro mossette e due canzoncine.

    Pierfrancesco Favino: 6. Si limita al compitino senza guizzi rilevanti.

    Virginia Raffaele: 10. Virginia Raffaele è Dio. Sempre sia lodata.

    Negramaro: 6. Ma a Giuliano Sangiorgi do 2. A Giulià ma che cazzo oh! Potevi cantare e andartene, risparmiandoci l’ennesima cantata di Baglioni. E invece no. No. E mio papà. E la canzone. E l’abbiamo riadattata per te. E vieni negli stadi. E cantiamola insieme stasera. E che cazzo Giuliano, allora sei proprio stronzo dentro.

    James Taylor: 8. Leggendario James, come sempre.

    Giorgia: 7. Una delle poche voci italiani a potersi mischiare con quella di James Taylor.

    Emma D’Aquino: 5-. Fa la stessa scenetta di Franca Leosini la sera prima. E niente, tutto qui. Boh.

    Gino Paoli: 6,5. Gli omaggi a Fabrizio De Andrè e Umberto Bindi meritano davvero tanto.

    Nino Frassica: 9. Il Re del nonsense. Risolleva la serata e fa sembrare simpatico persino Baglioni. Più Frassica per tutti, per un mondo migliore.

    Mudimbi: 6. Un po’ di ritmo, finalmente. Grazie Mudimbi. Grazie.

    Eva: 6. È Fedez femmina. Ma canta meglio, molto meglio. Brava.

    Ultimo: 6,5. Ultimo non lo scopriamo certo al Festival, tra le nuove proposte della scena musicale italiana (non solo quella di Sanremo) è probabilmente uno dei migliori talenti. Speriamo non si faccia bruciare come tanti altri prima di lui.

    Leonardo Monteiro: 4. Dice che ha una parete bianca. Di più non so dirvi. O forse sì: praticamente un testo di merda e un’esibizione da piangere, va. Che poi io ho una parete color crema e non ci ho mai scritto una canzone in merito. Fesso io, lo so.

    Giovanni Caccamo: 4,5. Il nulla mischiato col niente. E stona pure. Ciao core (cit).

    Lo Stato Sociale: 6,5. Il pezzo non è nulla di che, ma Paddy Jones spacca il culo a tutti.

    Luca Barbarossa: 6. Non sarà il pezzone del secolo, ma convince. Se l’accompagni con del vino rosso e oste portace n’arto litro che noi se lo bevemo e poi j’arisponnemo, stai a posto. Daje Barbarò!

    Enzo Avitabile e Peppe Servillo: 6-. Molto meglio rispetto alla prima sera, anche perché escono a un orario civile, ma ancora non convincono del tutto.

    Max Gazzè: 8,5. Un cantastorie come pochi. Il pezzo è poesia. Se non vince lui, duetto con Baglioni per protesta.

    Roby Facchinetti e Riccardo Fogli: 4. Il circolo di bocce aveva chiuso e sono entrati all’Ariston. Tocca sorbirceli fino a sabato. Teniamo duro, che forse nella serata dei duetti ci esce pure una briscola in cinque col morto.

    Ermal Meta e Fabrizio Moro: 6 politico. Il pezzo è bello, loro sono bravi, il ritornello è lo stesso di quell’altro, eh ma il plagio, eh ma non li squalificano. Prego, continuate voi con tutto ciò che vi viene in mente, ma solo al 30% se è stato già detto in precedenza che altrimenti m’incazzo e vi squalifico anzi no ma forse sì e invece no e non lo so e che cazzo.

    Noemi: 5,5. Un po’ meglio della prima serata. Ma ha la voce di Michele Bravi, cazzo. LA VOCE DI MICHELE BRAVI. Non ce la faccio.

    The Kolors: 3. L’ho già detto che un disco dei The Kolors non lo ascolterei MAI MAI MAI MAI? Se sì, evidentemente non era ancora abbastanza.

    Mario Biondi: 5. No, ma fatelo uscire pure a mezzanotte passata. Tanto, sparge allegria a profusione. Ma poi che occhiali di merda ha?

    Tag:, , , ,

    No Comments
    Story Page

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi