REVIVAL RECENSIONI : BLACK MERDA – OMONIMO (1971)
  • close
    Breaking news

    “Lo Chiamavano Trinità”, uno dei classici per eccellenza del cinem...read more Il 26 ottobre, i Muse saranno in concerto all’Alcatraz di Milano. ...read more Manca una settimana all’attesissimo concerto di Vasco Rossi a Messina. ...read more Social Distortion live al Carroponte, Sesto San Giovanni (Milano). Special Gues...read more È partita una campagna di autofinanziamento dal basso, che ha lo scopo di recu...read more Un nuovo report di Kotaku fa filtrare un’interessante indiscrezione: Hang...read more Bloodborne potrebbe finalmente tornare. “Non abbiamo ancora visto tutto&#...read more Inaugurata poche sere fa a Milano la sesta replica di Balkanica, la mostra fot...read more THE WHITE BUFFALO sarà finalmente dal vivo in data unica nel nostro Paese il ...read more Coachella Valley Music and Arts Festival 2022. Decine di artisti si esibiranno ...read more

    REVIVAL RECENSIONI : BLACK MERDA – OMONIMO (1971)

    C’è davvero poco da ridere, è vero che Black Merda ( si legge Black Murder ) non rappresenta per un gruppo musicale un gran bel biglietto da visita, ma credetemi , che a dispetto del evocativo puzzolente nome, i Black Merda erano davvero una gran bella band.

    “The Prophet” il brano che apre l’omonimo dei Merda, ( datato 1971 ) già dalle prime note funky –rock vi farà capire che di merda in questo disco non se ne sentirà. “Cynthy-Ruthy”  quasi ci ricorda Mr Hendrix nell’apertura, per poi virare verso il funk, con il basso a permeare il pezzo come un tappeto ruvido su cui i cori contrastano con il vocione soul. “Over and Over” è un saggio strumentale che i Merdosi danno mischiando una buona dose di blues ai già sopracitati ingredienti, ribadendo, al suono di un imperante ma mai fastidioso, lungo solo di chitarra, la loro attitudine tutt’altro che merdosa.

    Si prosegue con i testi impegnati  di “Ashamed”, la soffice “Reality” e una nuova perla strumentale “Windsong”, per approdare ancora sul Funk Soul di “Good Luck” che suona nero come… si insomma che più nero non si può, “That’s The Way It Goes” , porta sulle sue note le rimembranze di tutto un periodo musicale, in questo  pezzo si possono riconoscere, nelle sonorità , tutte le band che hanno fatto degli anni 70 il periodo musicale più bello e florido di sempre. Chiudono “ I Dont Want To Die” e “Set Me Free”,  due pezzi dall’animo più leggero, che sfaccettano ancora di più il contenuto generale dell’album, a ulteriore dimostrazione della quantità di argomenti che la musica degli anni 70 aveva da dire.

    Assolutamente da ascoltare

    ANTO

     

    Tag:, , , , , , , , , ,

    No Comments
    Story Page

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi