Polly e Max Prod ri-pubblicano “La città verrà distrutta domani”, disco del 2011 che introdusse il rap, l’elettronica e il cyberpunk
  • close
    Breaking news

    Un nuovo report di Kotaku fa filtrare un’interessante indiscrezione: Hang...read more Bloodborne potrebbe finalmente tornare. “Non abbiamo ancora visto tutto&#...read more Inaugurata poche sere fa a Milano la sesta replica di Balkanica, la mostra fot...read more THE WHITE BUFFALO sarà finalmente dal vivo in data unica nel nostro Paese il ...read more Coachella Valley Music and Arts Festival 2022. Decine di artisti si esibiranno ...read more “Unlimited Love” è il dodicesimo album in studio del gruppo musica...read more Patrizia Bonetti dice addio all’Isola dei Famosi: è ufficiale. La 26enne mo...read more FIFA 23 – EA Sports e FIFA si diranno addio, una delle più iconiche coll...read more Da lunedì 21 marzo, Michelle Hunziker tornerà alla conduzione di Striscia La ...read more Rivoluzione nel palinsesto Rai a causa degli ascolti sotto le aspettative, la f...read more

    Polly e Max Prod ri-pubblicano “La città verrà distrutta domani”, disco del 2011 che introdusse il rap, l’elettronica e il cyberpunk

    A sette anni di distanza dalla sua realizzazione viene ri-proposto sulle maggiori piattaforme musicali il disco “La città verrà distrutta domani” firmato da Polly (ex Lato Oscuro della costa) e il produttore Max Prod (producer dei Groovenauti).

    Sotto il nome unico di Occhi di Astronauti i due artisti avevano prodotto nel 2012 un vero

    gioiellino che miscelava suoni elettronici e futuristici a testi surreali e cyberpunk. Apprezzato dal pubblico e dagli addetti ai lavori aveva ottenuto ottime recensioni su magazine come Rumore, Impatto Sonoro, RapManiacz.

    “La città verrà distrutta domani”, il cui titolo è liberamente tratto dal capolavoro di G.Romero, possiede un tappeto sonoro completamente elettronico ed unico nel suo genere (il timbro dei synth di Max Prod è il suo marchio di fabbrica), con uno stile molto vicino allo scenario delle avanguardie londinesi e berlinesi del tempo, su cui però nessuno rappava. Questo è il principale elemento di novità e di forza di questo progetto, ovvero la possibilità di fare rap su musiche che fino ad allora sembravano off limits per gli mc, con la voglia di sperimentare strade nuove e nuovi modi di approcciare la costruzione delle canzoni.

    Le strumentali sembrano perfette per dare spazio ai testi di Polly, che nelle sue canzoni racconta storie personali o autobiografiche catapultandosi però in visionarie ambientazioni sci-fi, riempiendo il disco di distopie, tributi e riferimenti cinematografici e letterari (“L’isola” ispirata a “L’isola di

    cemento” di Ballard, “Tutto quello che sai è falso” ispirato a “The Truman Show” e “La penultima verità” di Dick, con citazioni di Ursula Le Guin e di altri autori minori) . Non é un caso infatti che il disco “La città verrà distrutta domani” venga ri-valorizzato con la pubblicazione a distanza di anni sulle più note piattaforme di musica digitale. Il disco rappresenta l’inizio storico del percorso artistico solista di Polly dopo lo scioglimento del “Lato oscuro della costa” e la puntualizzazione di uno stile già presente anni fa e solo in parte così nuovo come si pensa.

    Se volete sentire dal vivo le canzoni di questo disco fate attenzione a dove si esibisce il Colpo di Stato Poetico, collettivo rap guidato da Polly & Alfre D’, per info e booking : [email protected]

    No Comments
    Story Page

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi