Nesli, il fratello buono di Fabri: «Fare i dannati è facile. Sono io il vero anti-Fibra»
  • close
    Breaking news

    “Lo Chiamavano Trinità”, uno dei classici per eccellenza del cinem...read more Il 26 ottobre, i Muse saranno in concerto all’Alcatraz di Milano. ...read more Manca una settimana all’attesissimo concerto di Vasco Rossi a Messina. ...read more Social Distortion live al Carroponte, Sesto San Giovanni (Milano). Special Gues...read more È partita una campagna di autofinanziamento dal basso, che ha lo scopo di recu...read more Un nuovo report di Kotaku fa filtrare un’interessante indiscrezione: Hang...read more Bloodborne potrebbe finalmente tornare. “Non abbiamo ancora visto tutto&#...read more Inaugurata poche sere fa a Milano la sesta replica di Balkanica, la mostra fot...read more THE WHITE BUFFALO sarà finalmente dal vivo in data unica nel nostro Paese il ...read more Coachella Valley Music and Arts Festival 2022. Decine di artisti si esibiranno ...read more

    Nesli, il fratello buono di Fabri: «Fare i dannati è facile. Sono io il vero anti-Fibra»

    Mentre Fabri Fibra spara a zero contro tutto, lui torna sulle scene con un cd che «è un inno alla vita». Lui è Nesli, al secolo Francesco Tarducci, Fibra è suo fratello. Rapper entrambi, nati a Senigallia, milanesi d’adozione, hanno solo quattro anni di differenza, ma sono distanti anni luce. Uno canta «tutti su le mani perché questa è una rapina, io sono Fabri Fibra ho appena ucciso la vicina»; l’altro «la vita è qui, nella speranza dei sogni che fai». Sembra proporsi come l’anti-Fibra, afferma che «un mondo nuovo è possibile». Giovedì, al Mondadori Multicenter, presenterà il nuovo cd, «L’amore è qui».

    È la riscossa del fratello buono?
    «A differenza di Fabri tutto ciò che è brutto lo trasformo in bello. Ma non voglio essere l’opposto di nessuno, sono davvero così e lo rivendico».

    Che rapporto avete?
    «Ci vogliamo bene, ma non ci frequentiamo. Fino a quando le nostre idee sono state le stesse ho lavorato ai suoi dischi. Ora non abbiamo niente da dirci».

    A quando risale la rottura?

    «Al 2007, quando non partecipai al tour di “Bugiardo”. Lui è più furbo, segue il cliché del rapper che provoca. A me non va di fare il maledetto».

    Suo fratello è un ipocrita?

    «Fare i dannati è troppo facile. Io credo nel bello della vita».

    Da dove arriva tanto ottimismo?
    «Dall’aver conosciuto l’inferno. Quando la mia etichetta, la Universal, mi ha licenziato, mi sono sentito perso, poi ho capito che potevo andare avanti da solo»

    Non c’è nulla che la indigna?
    «Se qualcosa non mi piace la aggiro. Guardi i politici, dicono le stesse cose da anni: a cosa serve protestare? Diventi complice del sistema. Preferisco essere estraneo a quel mondo e dire “l’amore è qui”. Così facendo sono più militante dei grillini».

    Non ha reagito nemmeno quando si è diffusa la notizia del suo presunto suicidio?
    «Ho sorriso: a volte le cose più buone generano i sentimenti più cattivi».

    Di Milano che cosa pensa?
    «Da provinciale qui mi sento al centro di qualcosa, per me Milano è il sogno americano».

    Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , ,

    No Comments
    Story Page

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi