The Moon Train Stop - The Moon Train Stop (EP)
  • close
    Breaking news

    Un nuovo report di Kotaku fa filtrare un’interessante indiscrezione: Hang...read more Bloodborne potrebbe finalmente tornare. “Non abbiamo ancora visto tutto&#...read more Inaugurata poche sere fa a Milano la sesta replica di Balkanica, la mostra fot...read more THE WHITE BUFFALO sarà finalmente dal vivo in data unica nel nostro Paese il ...read more Coachella Valley Music and Arts Festival 2022. Decine di artisti si esibiranno ...read more “Unlimited Love” è il dodicesimo album in studio del gruppo musica...read more Patrizia Bonetti dice addio all’Isola dei Famosi: è ufficiale. La 26enne mo...read more FIFA 23 – EA Sports e FIFA si diranno addio, una delle più iconiche coll...read more Da lunedì 21 marzo, Michelle Hunziker tornerà alla conduzione di Striscia La ...read more Rivoluzione nel palinsesto Rai a causa degli ascolti sotto le aspettative, la f...read more

    The Moon Train Stop – The Moon Train Stop (EP)

    The Moon Train Stop Cover

    I The Moon Train Stop sono una band piemontese di Torino e Cuneo nata nel 2014. Più precisamente un trio nato su iniziativa di Simone Montenegro e Paolo Basso, già membri e fondatori del duo strumentale Il Codice Blu, ai quali si è poi aggiunto Paul Pellegrino.

    I tre ci hanno messo più o meno un anno per registrare il loro primo lavoro: un EP omonimo contenente quattro tracce che spaziano tra il rock (Discreet Sailor), il pop (You, Me and Weird) e l’elettronica (Fairy Tale Thru All the Lies). Ciò che resta costante, invece, è la voglia di ricercare e sperimentare costantemente nuove sonorità, permettendo un ascolto fluido e in alcun modo noioso o ripetitivo.

    Menzione a parte per il non trascurabile intro di tastiera e batteria presente in Fairy Tale Thru All the Lies (brano che trovate poco più giù) e per – a mio parere la migliore dell’EP – To Enlighten Caves (breve e d’impatto: mica facile in soli 2 minuti e 38 secondi).

    Da non trascurare nemmeno la copertina, dove troviamo il gulliver melanconico di Joseph Beuys ritratto dall’artista sloveno Aleksander Velišček, uno che nella ricerca (artistica) non si è mai tirato indietro.

    Trattandosi di un EP, è come se ci trovassimo al cospetto di un biglietto da visita della band, con la consapevolezza che un giudizio più completo potrà essere espresso solo ascoltando i prossimi lavori. L’inizio, comunque, permette di guardare al futuro con un certo ottimismo. Nell’attesa, potete farvi un’idea in merito anche voi, ascoltando l’EP in streaming a questo link.

    Tag:, , ,

    No Comments
    Story Page

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi