MinimAnimalist - W.O.K. (Recensione)
  • close
    Breaking news

    Un nuovo report di Kotaku fa filtrare un’interessante indiscrezione: Hang...read more Bloodborne potrebbe finalmente tornare. “Non abbiamo ancora visto tutto&#...read more Inaugurata poche sere fa a Milano la sesta replica di Balkanica, la mostra fot...read more THE WHITE BUFFALO sarà finalmente dal vivo in data unica nel nostro Paese il ...read more Coachella Valley Music and Arts Festival 2022. Decine di artisti si esibiranno ...read more “Unlimited Love” è il dodicesimo album in studio del gruppo musica...read more Patrizia Bonetti dice addio all’Isola dei Famosi: è ufficiale. La 26enne mo...read more FIFA 23 – EA Sports e FIFA si diranno addio, una delle più iconiche coll...read more Da lunedì 21 marzo, Michelle Hunziker tornerà alla conduzione di Striscia La ...read more Rivoluzione nel palinsesto Rai a causa degli ascolti sotto le aspettative, la f...read more

    MinimAnimalist – W.O.K. (Recensione)

    I MinimAnimalist sono un duo rock-stoner formato da Davide Bianco e Fabio Cazzetta. I due si sono conosciuti allo YeahJaSi Pop Fest, quando suonarono nella band con Manuel Agnelli (Afterhours).

    Il progetto dei MinimAnimalist è bipolare. Ci sono note incazzate e ironiche, divertite e schizofreniche. Il nome scelto incarna l’indole di Davide e Fabio, il primo minimale e il secondo animale. L’unione di questi due mondi dà vita a un dualismo che messo in musica funziona alla grande. Il loro ultimo album, W.O.K., ne è dimostrazione lampante.

    Nella tracklist si fanno largo i più svariati temi, ritmati da chitarra e batteria, ora a creare un’atmosfera psichedelica, ora a cercarne una più tranquilla.

    Tra i brani, ho particolarmente apprezzato “Ingegner Giannino”. Pezzo musicalmente davvero figo, racconta la storia (vera) di un ragazzo che per tradire in tutta tranquillità la propria ragazza, ha salvato in rubrica il numero dell’amante con il nome di Ingegner Giannino. Degna di nota anche “Maglione”, un inno a entusiasmarsi e abbandonare la sensazione che nella vita nulla possa cambiare.

    Tre sono invece i brani strumentali presenti nell’album, dove possiamo apprezzare appieno le capacità del duo a destreggiarsi tra chitarra e batteria. In particolar modo, “Efelante” sembra quasi trasportati in un altro universo: una corsa furente, molto simile agli elefanti quando corrono, scandita perfettamente in musica.

    In definitiva, W.O.K. è un album che non piacerà certamente a chi non apprezza i toni “schizofrenici” che il rock spesse volte sa regalare (a tal proposito: date un ascolto anche a “Disturbo Tripolare”, altra strumentale dei due che già dal titolo è tutto un programma!). Per tutti gli altri, invece, potrebbe rivelarsi davvero una piacevole scoperta. Per ciò che mi riguarda, non vedo l’ora di ascoltare i prossimi lavori dei MinimAnimalist.

    Vi lascio il link all’ascolto di “W.O.K.” su Spotify e alla pagina Facebook dei MinimAnimalist. Noi ci leggiamo alla prossima.

    Adriano Costantino

    Tag:, , , , , ,

    No Comments
    Story Page

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi