Marco Travaglio a duetto con Franco Battiato
  • close
    Breaking news

    Quella di ieri sera a Roma è stata la seconda data italiana del tour degli Ope...read more The Last Of Us sarà trasmessa in Italia in contemporanea con gli Stati Uniti. ...read more Wanna, la nuova docu-serie originale italiana di Netflix è dedicata a Wanna Ma...read more Anastacia torna in Italia in occasione dei 22 anni di carriera con un nuovo to...read more Ultim’ora da Twitch: dal 18 ottobre non si potrà più streammare gioco d...read more Adam Levine, il frontman dei Maroon 5, è accusato dall’influencer Sumner...read more Alessandro Cattelan debutta in teatro con “Salutava Sempre”. Di seg...read more Woody Allen girerà a Parigi il suo film numero 50: “Wasp 22”. Dopo...read more State cercando i migliori album di tutti i tempi? Molti esperti di musica, crit...read more I Muse saranno live in Italia nel 2023 con il Will Of The People World Tour. Sp...read more

    Marco Travaglio a duetto con Franco Battiato

    Battiato lascia il microfono a Travaglio

    Avevo detto qui che non avrei fatto spoiler del tour di Franco Battiato raccontando del concerto al Teatro Regio di Torino. E infatti spoiler non ne farò, ma quello che è successo ieri sera è quantomeno particolare.

    Il Regio è grande, bello, quasi ti obbliga a esser persona distinta. Specie nelle prime file, eleganza ricercata, ai limiti del pacchiano. Ti siedi e ti godi un concerto di “musica colta“, come viene definita quella del Maestro. Il primo dei miei sette di Battiato l’avevo visto in un palazzetto dello sport: a un certo punto mandammo a quel paese gli stuart e scendemmo sotto il palco dalle tribune. L’anno scorso al Teatro Arcimboldi di Milano, paragonabile al Regio di Torino, avevano vinto le hostess. Ieri sera si sono dovute arrendere.

    Ha iniziato una signora dal caschetto rosso: è scesa sotto il palco e ha cominciato a ballare (non vi dico cosa per tenere fede al no-spoiler); la hostess le ha provate tutte per farla risedere, ma niente. Allora si è unita un’altra signora, poi una ragazza e in cinque minuti il compostissimo Teatro Regio sembrava lo stadio Delle Alpi. Franco, divertitissimo, ha consegnato il microfono a un signore davanti a lui. Una prima volta, poi una seconda, una terza e una quarta. Ridendo e stupendosi del fatto che quel signore conoscesse tutte le canzoni a memoria.

    “Ma perchè sempre allo stesso?” – ci chiedevamo. Seppur dalla quinta fila, con quella bolgia che si è creata non lo avevamo riconosciuto. Poi Battiato e la band se ne sono andati nell’ovazione, le luci si sono riaccese e quel signore è tornato su dalle scale. Era Marco Travaglio, trafelato, divertito e sorridente, ma senza mai abbandonare quell’aria “superiore” che veste il suo personaggio. Poteva essere un po’ più democratico con quel microfono, ma da uno abituato ai monologhi non si poteva obiettivamente pretendere di meglio.

    Foto teatroregio.torino.it






    Entra in Atom Heart Cafè!

    Ogni sabato mattina alle 10.00 riceverai la nostra newsletter con le notizie più interessanti della settimana!

    Ti aspettiamo per un caffè insieme!


    Non inviamo spam! Riceverai una sola mail a settimana!
    Cookie policy.

    Tag:, , , ,

    No Comments
    Story Page