Lettera semiseria per Madonna da un suo figliuolo
  • close
    Breaking news

    Un nuovo report di Kotaku fa filtrare un’interessante indiscrezione: Hang...read more Bloodborne potrebbe finalmente tornare. “Non abbiamo ancora visto tutto&#...read more Inaugurata poche sere fa a Milano la sesta replica di Balkanica, la mostra fot...read more THE WHITE BUFFALO sarà finalmente dal vivo in data unica nel nostro Paese il ...read more Coachella Valley Music and Arts Festival 2022. Decine di artisti si esibiranno ...read more “Unlimited Love” è il dodicesimo album in studio del gruppo musica...read more Patrizia Bonetti dice addio all’Isola dei Famosi: è ufficiale. La 26enne mo...read more FIFA 23 – EA Sports e FIFA si diranno addio, una delle più iconiche coll...read more Da lunedì 21 marzo, Michelle Hunziker tornerà alla conduzione di Striscia La ...read more Rivoluzione nel palinsesto Rai a causa degli ascolti sotto le aspettative, la f...read more

    Lettera semiseria per Madonna da un suo figliuolo

    Carissima e santissima Madonna

    A distanza di una settimana dall’uscita di Rebel Heart (6 marzo 2015)madonna-sings-about-isis-657-body-image-1419283845 e dopo svariati ascolti del suo tredicesimo album di inediti avrei alcune piccole note a margine che le riporterò in questa mia. Mi scuso in prima riga di aver tardato nell’analisi del suo prodotto ma lei comprenderà benissimo come 19 tracce siano abbastanza numerose. Svariate volte ho cercato di trovare un filo conduttore all’interno della tracklist ma questa operazione non ha fatto altro che procurarmi continue emicranie, per cui ho desistito anche perché lei è Madonna, la nostra Signora del POP per antonomasia, quindi mi sono lanciato fiducioso a dadi e devo ammettere che non Veni, non Vidi e tantomeno Vici.

    L’auto-celebrazione e nel contempo il suo martirio riempiono i cuori di passione e delirio libertario, la sua difesa della libertà è tanto forte che d’ora in poi alle primissime note di Messiah, Superman accorrerà in nostro aiuto: “È  un aereo? È un uccello? NO, è Madonna che predica da Fazio”. Non si offenda per i miei toni ironici ma, come lei ha ben compreso da Wikipedia, Martin Luther King e Gesù hanno ricevuto un supplizio ben peggiore. C’è da dire che ormai la libertà come diritto inviolabile è diventato un clichè  usato e ab-usato ma a ciò contribuiscono operazioni come la sua che riescono a rendere sterili  essenze ultrapotenti e immanenti come questa.Fazio-Madonna

    Una menzione a parte merita Devil Pray, l’ennesima ballata against Drugs, e ora le dirò qualcosa di nuovo e rivelatorio: le canzoni sulla o contro la droga “andavano forte” fino agli anni ’90 ma adesso (a meno che non fai parte dell’anti-droga) un’iniziativa di questo tipo ha la stessa valenza degli avvertimenti sui pacchetti di sigarette; e se Sir Walter White ci ha insegnato qualcosa è che il cartello messicano ascolta solo Radio Marìa Protectora e trasmette solo in lingua.Ammetto che ascoltando Bitch, I’m Madonna mi intenerisco: sentire la sua voce ridotta a quello di un Chipmunk mi fa comprendere di come lei sia invecchiata (stagionata come un buon Merlot ma pur sempre invecchiata), e capisco che con il sopraggiungere dei 60 la nostalgia e il riecheggiare di antichi fasti le provochi non poca tristezza; quindi la immagino vestita in rosa e intonare a mo’ di nenia “And I am a material girl” mentre i suoi figli contano quelle cinquanta benedette gocce di Cipralex da mischiare al Martini dry delle 16.00.

    Mischiare il sacro e il profano è ciò che le riesce meglio, ma le vorrei far notare che questa nobilissima operazione è stata definitivamente perfezionata da Papa Francesco con l’album di figurine a lui dedicato e le encicliche ad uso scalo aeroportuale per la difesa del buon nome di sua madre; spero perciò che si sottragga per sempre dal ricoprirsi di quest’aura alla Maria Maddalena perché ha stancato, non fa nemmeno molto parlare il suo onanismo mediatico e NO! Signora Ciccone, non restiamo a bocca aperta se dichiara di pregare con i suoi figli la mattina.

    In Conclusione devo concederle alcune cose, in generale il suo album è vincente, gasante (Living For Love, Iconic) sensazionalistico (HeartBreakCity, Ghosttown) provocatorio (S.E.X. , Holy Water, Body Shop) e ai fini di un redditizio intento le procurerà molte gioie, prevedo anche che Rebel Hearth resterà ancora a lungo nella mia playlist; ma le chiedo con-il-cuore-in-mano di evitare di rivestire il suo operato di questi alti intenti che vogliono solo ingentilire la sua smania perenne di assurgere a grande mito dei nostri tempi, e mi faccia anche il favore di fare buon uso di un dizionario di sinonimi e contrari perché tutte quelle banalità di cui fa sfoggio per promuoversi, non rendono giustizia al suo carattere forte e alla sua accertata intelligenza.

    Con amore e ribellione

    Sempre suo Giovanni Barberio

    PS: non sono molto bravo in inglese quindi confido nelle sue tredici cameriere Italo-Americane che sapranno di certo farle un sunto efficace tanto da non disturbarla oltremodo.

    Tag:, , ,

    No Comments
    Story Page

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi