Karkadan – Tounsi fi shlekka mixtape vol. 2 (Tunisino in ciabatte mixtape vol. 2) [download]
  • close
    Breaking news

    “Lo Chiamavano Trinità”, uno dei classici per eccellenza del cinem...read more Il 26 ottobre, i Muse saranno in concerto all’Alcatraz di Milano. ...read more Manca una settimana all’attesissimo concerto di Vasco Rossi a Messina. ...read more Social Distortion live al Carroponte, Sesto San Giovanni (Milano). Special Gues...read more È partita una campagna di autofinanziamento dal basso, che ha lo scopo di recu...read more Un nuovo report di Kotaku fa filtrare un’interessante indiscrezione: Hang...read more Bloodborne potrebbe finalmente tornare. “Non abbiamo ancora visto tutto&#...read more Inaugurata poche sere fa a Milano la sesta replica di Balkanica, la mostra fot...read more THE WHITE BUFFALO sarà finalmente dal vivo in data unica nel nostro Paese il ...read more Coachella Valley Music and Arts Festival 2022. Decine di artisti si esibiranno ...read more

    Karkadan – Tounsi fi shlekka mixtape vol. 2 (Tunisino in ciabatte mixtape vol. 2) [download]

    Tunisino-in-ciabatte-2

    A ormai poche settimane dall’uscita di Zoufree (prevista per il 15 gennaio 2013), il rapper tunisino-milanese Karkadan piazza Tounsi fi shlekka mixtape vol. 2 (Tunisino in ciabatte mixtape vol. 2) – dopo l’anteprima esclusiva su Rolling Stone (qui) – sul sito statunitense DatPiff (qui).

    Grazie al primo volume di questo mixtape nel 2008 Karkadan diventa il tunisino più famoso d’Italia. Ma anche il più attaccato. Nei testi infatti prende di mira la massa di suoi connazionali che in Italia non se la passa bene ma poco prima di tornare nel paese di origine si fa bella e lì fa dei racconti che dipingono l’Italia un po’ come un film mafioso, un po’ come la terra promessa. Una mentalità che Karkadan ritiene prima di tutto controproducente.

    Il format di Tounsi fi shlekka mixtape (Tunisino in ciabatte mixtape) rappresenta bene lo stile di Karkadan che, come accade spesso, esprime la sua opinione sugli islamisti, sulla sua cultura di provenienza e sulla mentalità araba. Un punto di vista critico, ironico e provocatorio.

    Le basi originali sono di Yung Lee Da Finest, produttore fidato di Karkadan, quelle “rubate” portano la firma, tra gli altri, di The Alchemist e di J.Armz, due pilastri del rap underground statunitense. Il rap è tutto opera di Karkadan. Di seguito il video della bonus track del mixtape, Paradiso dei gangsta: http://youtu.be/yXESpg1wLr0

    Tag:, , ,

    No Comments
    Story Page

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi