Gimbo, ‘Lontano da tutto’ è il nuovo video dall’album ‘Come l’uomo della Luna’
  • close
    Breaking news

    “Lo Chiamavano Trinità”, uno dei classici per eccellenza del cinem...read more Il 26 ottobre, i Muse saranno in concerto all’Alcatraz di Milano. ...read more Manca una settimana all’attesissimo concerto di Vasco Rossi a Messina. ...read more Social Distortion live al Carroponte, Sesto San Giovanni (Milano). Special Gues...read more È partita una campagna di autofinanziamento dal basso, che ha lo scopo di recu...read more Un nuovo report di Kotaku fa filtrare un’interessante indiscrezione: Hang...read more Bloodborne potrebbe finalmente tornare. “Non abbiamo ancora visto tutto&#...read more Inaugurata poche sere fa a Milano la sesta replica di Balkanica, la mostra fot...read more THE WHITE BUFFALO sarà finalmente dal vivo in data unica nel nostro Paese il ...read more Coachella Valley Music and Arts Festival 2022. Decine di artisti si esibiranno ...read more

    Gimbo, ‘Lontano da tutto’ è il nuovo video dall’album ‘Come l’uomo della Luna’

    Estratto dall’album “Come l’uomo della Luna” pubblicato lo scorso febbraio per Redgoldgreen, “Lontano da tutto” è il nuovo videoclip pubblicato dal cantautore romano Giampietro Pica in arte Gimbo, da martedì 2 novembre su YouTube. Una delicata ballad a base di chitarra, lira cretese e charango, porta l’ascoltatore tra le sognanti parole dell’autore che in questo brano si sofferma a riflettere sul futuro con lo sguardo rivolto alle stelle. Proprio il videoclip con la regia di Alternative Productions è ispirato alle illusioni del cinema fantastico, dove grazie alle scenografie, ai disegni e al burattino di Mouhim Hicham, il soggetto che è raffigurato nella copertina dell’album prende vita. Luci, colori e un gioco di fili volanti mettono in scena un omaggio naif al senso dello “stupore” dove, nel viaggio, il sogno incontra le meraviglie del “Mondo blu”.

    Proprio quel “viaggio” che è stato un elemento fondamentale dell’album, una strada -quella intrapresa dall’artista-, che parte dall’Europa fino ad arrivare in America Latina, riportando a casa un tributo al cielo, alle stelle, agli spazi aperti, alla natura che in tante culture mesoamericane e amerindie dialogano costantemente con i sogni.

    Nel videoclip, quindi, il piccolo pupazzo astronauta protagonista delle scene fluttua tra le parole del testo che, in contrasto con quest’atmosfera sospesa e intimistica, fanno emergere tutto il significato della canzone. Lo screenplay si conclude poi con un un’immagine della Terra vista dallo spazio, che allontanandosi gradualmente scompare dallo schermo trasmettendo un senso di serenità universale.

    Tag:, , , ,

    No Comments
    Story Page

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi