Frantz, la recensione del film con Pierre Niney e Paula Beer
  • close
    Breaking news

    “Lo Chiamavano Trinità”, uno dei classici per eccellenza del cinem...read more Il 26 ottobre, i Muse saranno in concerto all’Alcatraz di Milano. ...read more Manca una settimana all’attesissimo concerto di Vasco Rossi a Messina. ...read more Social Distortion live al Carroponte, Sesto San Giovanni (Milano). Special Gues...read more È partita una campagna di autofinanziamento dal basso, che ha lo scopo di recu...read more Un nuovo report di Kotaku fa filtrare un’interessante indiscrezione: Hang...read more Bloodborne potrebbe finalmente tornare. “Non abbiamo ancora visto tutto&#...read more Inaugurata poche sere fa a Milano la sesta replica di Balkanica, la mostra fot...read more THE WHITE BUFFALO sarà finalmente dal vivo in data unica nel nostro Paese il ...read more Coachella Valley Music and Arts Festival 2022. Decine di artisti si esibiranno ...read more

    Frantz, la recensione del film con Pierre Niney e Paula Beer

    frantz-francois-ozon

    Presentato in concorso alla 73. Mostra del Cinema di Venezia, l’ultimo film di François Ozon (Swimming Pool, Una nuova amica) esce nelle sale italiane il 22 Settembre.

    Remake di Broken Lullaby, opera minore e poco conosciuta di Ernst Lubitsch, Frantz racconta la storia di Adrien Rivoire (Pierre Niney), giovane soldato francese che – al termine della Grande Guerra – si reca in Germania, dalla famiglia di un soldato rimasto ucciso di nome Frantz, presentandosi come suo amico. Verrà accolto con diffidenza da tutti fuorché da Anna (Paula Beer, che per questo ruolo ha vinto il Premio Mastroianni), fidanzata di Frantz. Gli eventi, però, prenderanno pieghe inaspettate.

    Ozon rivisita il film di Lubitsch dandogli una lettura intimista e psicologica, ribaltando la narrazione lineare dell’originale e aggiungendo un ultimo atto struggente ma che non sfocia mai nel mèlo. La questione franco-tedesca, così come le relazioni fra i personaggi, sono trattate con rara delicatezza (complici i richiami al capolavoro di Jean Renoir La grande illusione) e interpretate in modo magistrale dai due giovani protagonisti. Stilisticamente, il regista si concede a virtuosismi e ad un simbolismo che potrebbe sembrare banale – e forse un po’ “furbetto” – ma che ad un’attenta analisi cela interpretazioni che mettono alla prova lo spettatore.

    Nonostante il discreto successo ottenuto a Venezia, Frantz ha ricevuto una distribuzione che non gli rende giustizia, ma si spera nel passaparola e in una degna programmazione, anche se tardiva, che permetta a tutti di godere di questo gioiellino. Un film che ti cattura in punta di piedi e ti travolge lentamente, fino a quando è troppo tardi per accorgersi che stai annegando.

    frantz

     

    Tag:, , , , , ,

    No Comments
    Story Page

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi