Euro 2016 – Rendez-vous col Delirio, day #22: Rizzoli fa il gesto del cucchiaio a Neuer e la Francia e in finale
  • close
    Breaking news

    “Lo Chiamavano Trinità”, uno dei classici per eccellenza del cinem...read more Il 26 ottobre, i Muse saranno in concerto all’Alcatraz di Milano. ...read more Manca una settimana all’attesissimo concerto di Vasco Rossi a Messina. ...read more Social Distortion live al Carroponte, Sesto San Giovanni (Milano). Special Gues...read more È partita una campagna di autofinanziamento dal basso, che ha lo scopo di recu...read more Un nuovo report di Kotaku fa filtrare un’interessante indiscrezione: Hang...read more Bloodborne potrebbe finalmente tornare. “Non abbiamo ancora visto tutto&#...read more Inaugurata poche sere fa a Milano la sesta replica di Balkanica, la mostra fot...read more THE WHITE BUFFALO sarà finalmente dal vivo in data unica nel nostro Paese il ...read more Coachella Valley Music and Arts Festival 2022. Decine di artisti si esibiranno ...read more

    Euro 2016 – Rendez-vous col Delirio, day #22: Rizzoli fa il gesto del cucchiaio a Neuer e la Francia è in finale

    Il ventiduesimo giorno fa fuori i crucchi. È gioia. In finale ci va la Francia. È un po’ meno gioia, ma purtroppo non potevano perdere entrambe. Il calcio non lo prevede. Ci penserà Quaresma.

    Andiamo a noi.

    euro2016

    Germania – Francia 0-2

    Primo tempo inizialmente a senso unico. Si gioca esclusivamente nella metà campo francese, anche se tedeschi non riescono quasi mai a concludere decentemente. Uno dei pochi spunti francesi lo regala Giroud, che vince un contrasto volante contro il fratello crucco di Boateng e si lancia in contropiede a campo aperto. Ora, capite bene che è pur sempre Giruod, un uomo che fa due metri ogni trenta minuti. Di conseguenza, lo recupera persino Lloris scattando dalla propria porta. L’azione sfuma, ma qualche minuto dopo ci pensa Codice Fiscale Schweinsteiger a restituire alla Francia l’opportunità sfumata. S’inventa un fallo di mano da completo idiota in mezzo all’area e Rizzoli non può far altro che guardare Neuer, fargli il gesto del cucchiaio e dare rigore ai francesi. Lo calcia Griezmann, che non è Pellè, e quindi segna. La Francia è avanti al 47esimo.

    Nella ripresa, è ancora la Germania a confezionare la minchiata. Al 72esimo è il reparto difensivo a rendersi protagonista perdendo palla in area di rigore come nemmeno all’oratorio: Kimmich stoppa talmente male che la palla si rifiuta di essere controllata da lui. La recupera Pogba, finte e controfinte su Mustafi che vomita l’anima, la mette in mezzo, Neuer respinge sui piedi di Griezmann che ancora una volta lo trafigge. Nel finale ci sarà tempo anche per un clamorosa parata di Lloris su un colpo di testa ravvicinato di Kimmich. Ma finisce così, 2-0 per la Francia che vola in finale.

    A fine partita, Low la prende bene: “Nel 2012 l’Italia era più forte di noi, oggi non ha vinto la migliore. Siamo stati più forti dei francesi in tutto, tranne che nei gol e nel risultato. Ci abbiamo messo grande impegno, un ottimo linguaggio del corpo”. Come no. Il linguaggio del corpo, soprattutto. Specialmente Schweinsteiger che schiaffeggia il pallone in area di rigore e Kimmich che regala palla a Pogba a due centimetri dalla porta. Linguaggio del corpo da fenomeni navigati. Come quello dello stesso Low in panchina, del resto.

    Finale Portogallo – Francia, dunque. Noiosa come poche. Ma sarà Er Trivela Quaresma ad alzare la coppa, in barba al Musagete Payet.

    Noi ci rileggiamo lunedì.
    Au revoir.

    Tag:, , , , , , , , , , , , ,

    No Comments
    Story Page

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi