Corea del Nord pronta al lancio dei missili - USA e Seul alzano livello di allerta
  • close
    Breaking news

    “Lo Chiamavano Trinità”, uno dei classici per eccellenza del cinem...read more Il 26 ottobre, i Muse saranno in concerto all’Alcatraz di Milano. ...read more Manca una settimana all’attesissimo concerto di Vasco Rossi a Messina. ...read more Social Distortion live al Carroponte, Sesto San Giovanni (Milano). Special Gues...read more È partita una campagna di autofinanziamento dal basso, che ha lo scopo di recu...read more Un nuovo report di Kotaku fa filtrare un’interessante indiscrezione: Hang...read more Bloodborne potrebbe finalmente tornare. “Non abbiamo ancora visto tutto&#...read more Inaugurata poche sere fa a Milano la sesta replica di Balkanica, la mostra fot...read more THE WHITE BUFFALO sarà finalmente dal vivo in data unica nel nostro Paese il ...read more Coachella Valley Music and Arts Festival 2022. Decine di artisti si esibiranno ...read more

    Corea del Nord pronta al lancio dei missili – USA e Seul alzano livello di allerta

    corea.jpg_415368877

    Pyongyang è pronta a lanciare missili. Non è una notizia nuova ma allo stesso tempo gli Stati Uniti e Seul alzano il livello di allerta, infatti questo è stato impostato a “livello 2” che chiaramente indica una “minaccia vitale”. Lo stesso Giappone inizia a prendere le misure per eventuali lanci da parte della Corea del Nord.

    I chiari avvertimenti da parte del ministro coreano fanno sperare che tutto questo sia solo un modo provocatorio, riferisce la Casa Bianca, che al tempo stesso è cosciente del fatto che eventuali missili, nello specifico Musudan, Scud e Nodong, possano essere lanciati senza alcun tipo di avvertimento. A perorare la causa della non-provocazione è l’installazione di nuovi 5 moduli per il lancio e trasporto di vettori (cosiddette TEL) a Hamkyung del Sud.

    I TEL sono da ritenersi piattaforme multiuso, impiegabili per missili a corto raggio Scud, che hanno una copertura di 300-500 km, e missili a medio raggio Nodong, che possono raggiungere i 1.300-1.500 km.

    Insomma tutto lascia presagire che Pyongyang faccia sul serio nonostante sia una mossa, quella del ministro nord coreano, che sicuramente ha dell’incredibile. Non a caso oggi scade l’ultimatum, mandato agli ambasciatori stranieri presenti nel territorio nord coreano, a lasciare il paese, perché non in grado di garantire loro la massima sicurezza.

    Che sia tutto un bluff?

    Tag:,

    No Comments
    Story Page

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi