Ciclo Oscar 2014: Il Sospetto (The Hunt)
  • close
    Breaking news

    “Lo Chiamavano Trinità”, uno dei classici per eccellenza del cinem...read more Il 26 ottobre, i Muse saranno in concerto all’Alcatraz di Milano. ...read more Manca una settimana all’attesissimo concerto di Vasco Rossi a Messina. ...read more Social Distortion live al Carroponte, Sesto San Giovanni (Milano). Special Gues...read more È partita una campagna di autofinanziamento dal basso, che ha lo scopo di recu...read more Un nuovo report di Kotaku fa filtrare un’interessante indiscrezione: Hang...read more Bloodborne potrebbe finalmente tornare. “Non abbiamo ancora visto tutto&#...read more Inaugurata poche sere fa a Milano la sesta replica di Balkanica, la mostra fot...read more THE WHITE BUFFALO sarà finalmente dal vivo in data unica nel nostro Paese il ...read more Coachella Valley Music and Arts Festival 2022. Decine di artisti si esibiranno ...read more

    Ciclo Oscar 2014: Il Sospetto (The Hunt)

    thehunt

    Questo bellissimo film danese del 2012 è candidato quest’anno all’Oscar come migliore film straniero perché uscito l’anno scorso negli Usa, ed è indicato da molti come l’unico che potrebbe fare concorrenza al nostro La Grande Bellezza.

    Thomas Vinterberg (Festen) dirige un dramma kafkiano che ha come assoluto protagonista il bravo Mads Mikkelsen nei panni di Lucas, un uomo divorziato mite ed introverso, padre di un figlio che non vede mai, che vive da solo e lavora in un asilo. La sua vita procede tranquillamente fino a quando su di lui non piombano delle terribili accuse di abusi sessuali ai danni di una bambina che si era particolarmente affezionata a lui. Il sospetto nasce cautamente fra le mura della scuola ma in poco tempo cresce in modo irrazionale e si espande per tutta la comunità, coinvolgendo anche le persone più vicine a Lucas, dalla donna che frequenta fino al suo migliore amico. È una psicosi collettiva che innesca una vera e propria caccia all’uomo, e anche se le prove degli abusi sono totalmente infondate fin dall’inizio, ognuno si convince che deve essere così.

    Lo sguardo oggettivo e freddo della cinepresa di Vinterberg ci rende partecipi del dramma, facendo covare il seme del sospetto anche in noi, nonostante vediamo quasi sempre tutto dal punto di vista di Lucas, e ci fa interrogare – senza mai pilotarci e senza fare alcuna morale – sui meccanismi della mente umana e di come essa possa rimanere suggestionata da fatti all’apparenza insignificanti.

    Mikkelsen, che siamo soliti vedere in ruoli ambigui o di villain (basti pensare a 007 – Casino Royale, I Tre Moschettieri e la serie della NBC Hannibal), convince e commuove, riuscendo a dare vita ad un personaggio memorabile nella sua semplicità e humanitas.

    Se Sorrentino ci ha incantati con un esercizio di stile un po’ fine a sé stesso, essenzialmente privo di trama ed impregnato di moralismo, Vinterberg ci fa riflettere senza privarci della poesia (la meravigliosa scena della nevicata ne è un esempio) con un’opera tecnicamente e narrativamente superiore.

    Che vinca il migliore?

    Tag:, , , , , ,

    No Comments
    Story Page

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi