fbpx

jazz

SWED (foto Paolo Cenciarelli)

SWED, quando il jazz incontra il rap è “Border Wall”

Border Wall è il titolo del nuovo EP di SWED, disponibile da venerdì 20 marzo su tutte le piattaforme digitali e in vinile limited edition pubblicato da Do Your Thang. Un lavoro raffinato e ambizioso, che nasce con lo scopo di unire il mondo dell’Hip-Hop e dei campionamenti, con quello degli strumenti suonati tipici dell’universo […]

SWED, quando il jazz incontra il rap è “Border Wall” Leggi tutto »

#OscarsTime: Whiplash

Fino a dove sei disposto ad arrivare per realizzare il tuo sogno? A volte determinazione e talento non bastano, soprattutto se hai a che fare con un maestro inflessibile che utilizza metodi decisamente poco deontologici per spronare i propri allievi. È quello che succede ad Andrew Neiman (Miles Teller), protagonista del vero film-rivelazione di questa awards season.

#OscarsTime: Whiplash Leggi tutto »

I Mandela: nuove atmosfere in un panorama musicale sempre più uguale.

Quattro ragazzi e una passione comune per il jazz,fusion e funk,così nascono i Mandela, da serate passate a fare jam session in cui  Matteo Scalchi (chitarra), Diego Di Carlo (basso), Edoardo Maggiolo (batteria) e Marco Billo (tastiere) iniziano a manifestare l’idea di creare un gruppo che produca musica propria influenzata da questi generi. Ma ancora

I Mandela: nuove atmosfere in un panorama musicale sempre più uguale. Leggi tutto »

“Don’t worry ,Be happy” il jazz è per tutti parola di Bobby McFerrin

Mi ricordo ancora, quando circa tre anni fa mio zio mi fece vedere un video che mi lasciò senza fiato e che ascoltai una marea di volte nei giorni,mesi,anni a seguire e che tuttora ascolto senza mai stufarmi, in questo video si vedono due leggende della musica jazz contemporanea Omar Hakim e Bobby McFerrin. Inutile

“Don’t worry ,Be happy” il jazz è per tutti parola di Bobby McFerrin Leggi tutto »

Tea for two: Django Reinhardt e l’esplosione del jazz manouche

A volte, capita di ascoltare una musica che si impossessa dei piedi, delle mani, delle orecchie, degli occhi e della bocca. Che si fionda nel profondo del cuore, e non si smuove più. A me è capitato ascoltando un famosissimo brano che, tuttavia, disconoscevo. Mi riferisco a Minor Swing di Django Reinhardt. Ma sì, quasi

Tea for two: Django Reinhardt e l’esplosione del jazz manouche Leggi tutto »

Anticipazioni: Roy Paci, grandi ritorni e nuove produzioni

Si attende l’uscita imminente di Blaccahènze, ultimo lavoro di Roy Paci con uno dei suoi progetti più belli di sempre Corleone. Progetto sperimentale a cui ormai i termini come “eclettico”, “avanguardia”, “non catalogabile”, “non etichettabile” vengono associati quasi automaticamente. Per me il senso dato dalla voglia di suonare, divertirsi e sperimentare propria di questo progetto si può descrivere in una

Anticipazioni: Roy Paci, grandi ritorni e nuove produzioni Leggi tutto »

I “Destini Coatti” di Roberta Gulisano

Folk sapientemente intriso di jazz, e viceversa. Si può rispondere così alla domanda “di che genere è “Destini Coatti?”. Il primo album di Roberta Gulisano unisce la forte impronta personale della cantautrice siciliana alle riconoscibili sonorità di Vinicio Capossela e alle fondamenta melodiche di Fabrizio De Andrè. Su ritmi coinvolgenti, dettati più spesso da chitarre

I “Destini Coatti” di Roberta Gulisano Leggi tutto »

Torna in alto