“Campagna elettorale fuori dai musei”, e il Maxxi blocca il film di Bill Emmott
  • close
    Breaking news

    “Lo Chiamavano Trinità”, uno dei classici per eccellenza del cinem...read more Il 26 ottobre, i Muse saranno in concerto all’Alcatraz di Milano. ...read more Manca una settimana all’attesissimo concerto di Vasco Rossi a Messina. ...read more Social Distortion live al Carroponte, Sesto San Giovanni (Milano). Special Gues...read more È partita una campagna di autofinanziamento dal basso, che ha lo scopo di recu...read more Un nuovo report di Kotaku fa filtrare un’interessante indiscrezione: Hang...read more Bloodborne potrebbe finalmente tornare. “Non abbiamo ancora visto tutto&#...read more Inaugurata poche sere fa a Milano la sesta replica di Balkanica, la mostra fot...read more THE WHITE BUFFALO sarà finalmente dal vivo in data unica nel nostro Paese il ...read more Coachella Valley Music and Arts Festival 2022. Decine di artisti si esibiranno ...read more

    “Campagna elettorale fuori dai musei”, e il Maxxi blocca il film di Bill Emmott

    Mai un museo di arte contemporanea era stato al centro della cronaca politica come il MAXXI di Roma. Dopo la discussa nomina dell’ex ministro Pd Giovanna Melandri a presidente della fondazione che gestisce il museo, si solleva dell’altro polverone dopo la decisione di non proiettare il nuovo film di Bill Emmott il prossimo 13 Febbraio, in piena campagna elettorale.

    Girlfriend in a Coma, tratto dal libro Good Italy, Bad Italy dello stesso Emmott e realizzato assieme ad Annalisa Piras, è un documentario che racconta il rapido declino dell’Italia nell’ultimo ventennio, tramite immagini che mostrano il peggio della nostra classe dirigente ed interviste ai protagonisti della cultura, dell’impresa e della politica del nostro paese, da Roberto Saviano a Mario Monti, passando per Sergio Marchionne.

    Il MAXXI ha scaricato tutta la responsabilità della decisione sul Ministero per i Beni Culturali, unico socio della Fondazione e Autorità Vigilante sull’operato del museo, ma il Mibac afferma di non aver emesso alcuna ordinanza né dato alcuna indicazione in merito.

    L’ex direttore dell’Economist ha subito gridato alla censura con una velenosa lettera a La Stampa, e con dei tweet che hanno infervorato gli animi del cosiddetto “popolo della rete”, pronto a fare guerra contro la decisione del museo. Pronta la risposta della Melandri, che non accetta l’accusa di censura ed invita il giornalista inglese a proiettare il film nel museo romano dopo le elezioni.

     

    Comunque vada a finire questa storia, due cose sono certe: la prima è che l’ingerenza della politica nella cultura -anche quando quest’ultima è di marcato stampo politico- non provoca altro che danni, e la seconda è che se il film fosse stato proiettato regolarmente, se ne sarebbe parlato molto di meno.

    Di seguito il trailer di Girlfriend in a Coma.

    Tag:, , , , ,

    No Comments
    Story Page

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi