Anonymous attacca - il sito del Coisp K.O. per "vendicare" la madre di Aldrovandi
  • close
    Breaking news

    “Lo Chiamavano Trinità”, uno dei classici per eccellenza del cinem...read more Il 26 ottobre, i Muse saranno in concerto all’Alcatraz di Milano. ...read more Manca una settimana all’attesissimo concerto di Vasco Rossi a Messina. ...read more Social Distortion live al Carroponte, Sesto San Giovanni (Milano). Special Gues...read more È partita una campagna di autofinanziamento dal basso, che ha lo scopo di recu...read more Un nuovo report di Kotaku fa filtrare un’interessante indiscrezione: Hang...read more Bloodborne potrebbe finalmente tornare. “Non abbiamo ancora visto tutto&#...read more Inaugurata poche sere fa a Milano la sesta replica di Balkanica, la mostra fot...read more THE WHITE BUFFALO sarà finalmente dal vivo in data unica nel nostro Paese il ...read more Coachella Valley Music and Arts Festival 2022. Decine di artisti si esibiranno ...read more

    Anonymous attacca – il sito del Coisp K.O. per “vendicare” la madre di Aldrovandi

    origin_Kas-ir-Anonymous-4

    “Salve, servi dello Stato apprendiamo dell’ennesima dimostrazione di viltà alla quale avete dato adito. Il vostro pseudo-sindacato manifesta solidarietà verso mani colpevoli e sporche di sangue innocente. Insabbiate la verità, sprezzanti di una madre orfana di un figlio strappatole barbaramente da quattro assassini, rendendovi complici di una sanguinosa mattanza e di un dolore che non può essere sopito”. 

    81e35d0db148caf878e72b16bb1f06a3Esordisce in questo modo Anonymous, dopo la manifestazione dei poliziotto del sindacato Coisp al comune di Ferrara. Gli hacker hanno rilasciato dunque un messaggio per vendicare le vittime “statali” (in particolare, presente anche la madre di Aldrovandi) ed oscurando il sito web ufficiale del sindacato che ancora ora è KO.

    Termina in questo modo il testo vendicativo in cui gli hacker di Anonymous spiegano i motivi dell’attacco.

    “Non dimenticheremo chi è caduto per mano di vili assassini asserviti al potere, non dimentichiamo lo strazio delle madri e dei padri che chiedono giustizia e rispetto. Le loro urla e le loro lacrime sono anche le nostre e a loro ci stringiamo, con la promessa di utilizzare tutte le armi in nostro possesso per indagare sulle morti impunite, per fare luce laddove lo Stato complice vuole imporre il silenzio”.

    Tag:, ,

    No Comments
    Story Page

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi