“Al cinema di paese”, a Brescia la mostra che celebra le storiche sale cinematografiche di provincia
  • close
    Breaking news

    Vasco Live 2023 – Vasco Rossi tornerà ad esibirsi dal vivo nell’es...read more The Car è il settimo album in studio del gruppo rock inglese Arctic Monkeys, p...read more I Blink-182 hanno annunciato il loro ritorno in formazione originale con un nuo...read more Marvel Studios ha diffuso il trailer finale di Black Panther: Wakanda Forever, ...read more Quella di ieri sera a Roma è stata la seconda data italiana del tour degli Ope...read more The Last Of Us sarà trasmessa in Italia in contemporanea con gli Stati Uniti. ...read more Wanna, la nuova docu-serie originale italiana di Netflix è dedicata a Wanna Ma...read more Anastacia torna in Italia in occasione dei 22 anni di carriera con un nuovo to...read more Ultim’ora da Twitch: dal 18 ottobre non si potrà più streammare gioco d...read more Adam Levine, il frontman dei Maroon 5, è accusato dall’influencer Sumner...read more

    “Al cinema di paese”, a Brescia la mostra che celebra le storiche sale cinematografiche di provincia

    Al cinema di paese” è il titolo della mostra dedicata alle sale cinematografiche di Gardone Val Trompia (Brescia), in programma dal 23 dicembre fino al 2 febbraio presso la Sala Civica cittadina.

    L’esposizione con oltre 100 locandine, manifesti e fotobuste, ripercorrerà la storia dei cinema Beretta, San Filippo e Super, che tra gli Anni ’50 e gli Anni ’80 hanno animato la vita sociale e culturale gardonese e dei paesi confinanti. Come in molti altri paesi delle province italiane, il cinema non era solo arte o un luogo in cui andare a vedere un film. Il cinema era uno dei centri di aggregazione della comunità, in cui socializzare nel buio della sala, fumare la prima sigaretta, baciarsi, ma anche evadere dalla provincia ed immaginare il mondo fuori.

    Il progetto realizzato dall’Associazione Cantieri Innovazione ha selezionato i pezzi della mostra tra oltre 250 titoli e oltre 2000 locandine salvate dalla demolizione del cinema Beretta, con l’obiettivo di esplorare la memoria della comunità locale circa il vissuto delle sale dell’epoca. Poliziotteschi, film d’azione americani, le commedie di Bud Spencer e Terence Hill, film dell’orrore, commedie sexy all’italiana, ma anche film a luci rosse. Titoli che parlano dell’Italia di quegli anni e delle comunità di provincia.

    Uno spaccato sociale e culturale che attraversa diverse generazioni e passa per titoli come il cult movie “Serpico” del 1973 con protagonista un giovane Al Pacino, “Squadra antitruffa” di Bruno Corbucci del 1977 con Tomas Milian diventato celebre con il personaggio Er Monnezza oppure l’iconica pellicola “La soldatessa alla visita militare” con la provocante Edwige Fenech. Un ritorno al paese che in passato era il centro della vita delle comunità, oggi completamente trasformato, dove però è ancora possibile andare al cinema nell’unica sala rimasta attiva nella frazione di Inzino.

    La mostra anticipa il secondo appuntamento del progetto che prevende una rassegna cinematografica con la proiezione gratuita dei film “Gli uccelli” di Alfred Hitchcock del 1963 (12 gennaio), “Per un pugno di dollari” di Sergio Leone del 1964 (19 gennaio), per finire con “Amici miei” di Mario Monicelli del 1975 (2 febbraio) presso il cinema di Inzino alle 20.30.

    “Al cinema di paese” è organizzato con il contributo della Città di Gardone VT e il patrocinio della Comunità Montana della Valle Trompia.

    giovedì 23 dicembre

    ore 20.30

    Sala Civica

    Via Alessandro Volta, 25 – Gardone Val Trompia (BS)

    Ingresso libero

    Orari e informazioni 3334610941

    L’evento è regolato nel rispetto delle normative vigenti in materia di COVID-19.

    Entra in Atom Heart Cafè!

    Ogni sabato mattina alle 10.00 riceverai la nostra newsletter con le notizie più interessanti della settimana!

    Ti aspettiamo per un caffè insieme!

    Non inviamo spam! Riceverai una sola mail a settimana!
    Cookie policy.

    Tag:, , , , ,

    No Comments
    Story Page