close
Breaking news

Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more La quarta serata è quella della noia e dell’eliminazione di 4 big. Poi c’è...read more La serata delle cover ti catapulta nel film The Purge. Una notte in cui tutti gl...read more Finalmente toccava ai giovani. Finalmente. Oh. Ecco. Che palle. Carlo Conti: 5,...read more

Whatsapp e la cattiva informazione

whatsapp

Dopo giorni e giorni di continue lamentele, di servizi al Telegiornale e di catene di Sant’Antonio, mi sono deciso anche io. Devo parlare di Whatsapp.

Cos’è Whatsapp? Per chi non lo dovesse conoscere, Whatsapp è una applicazione per Android, Symbian e iOs che permette di mandare sms illimitatamente verso tutti i contatti presenti nella tua rubrica che, anche loro, hanno installato l’applicazione.

Dove sta il problema, direte voi, perché ho scritto “… e la cattiva informazione”? Perché grazie a Whatsapp sono riuscito, finalmente, a capire che una gran parte d’Italia non sa leggere, o meglio non da caso alle informazioni più importanti, che in questo caso parlando di una applicazione per Android, iOs e Symbian, si trovava semplicemente tra le “informazioni utili“. È infatti di questi giorni la notizia bombaWhatsapp diventa a pagamento” oppure anche: “Whatsapp, l’applicazione avrà un canone annuo“, e fossero solo quei blog di minore importanza a riportare la notizia non darebbe nemmeno fastidio, ma vedendo riportati questi titoli sia da i telegiornali (ad esempio il TG5 su tutti) oppure su blog più “importanti” stile “La Repubblica” capisco che in Italia per far notizia bisogna far finta che ci sia uno scandalo.

Ma questi sono solo allarmismi di chi, preso dalla foga della novità e del seguiamo la moda che fa figo, non legge attentamente quello che viene riportato nelle informazioni del download. Un esempio? Vediamo cosa dice Google Play sulla pagina per scaricare Whatsapp First year FREE! ($0.99 USD/year after)” che anche per chi non dovesse conoscere l’inglese (tenendo fuori il discorso che ci sono i vari traduttori online) dovrebbe essere di facile comprensione il “Primo anno GRATIS! ($0.99 USD (0,79€, ndr)/anno dopo)” e anche andando sul sito ufficiale di Whatsapp e selezionando uno dei download disponibili, si può trovare scritto questo: “Please download the latest version of WhatsApp Messenger and enjoy our service free for 1 year! During, or after free trial period you can purchase service for $0.99 USD/year.”

Quindi, per concludere, nessuna notizia bomba, nessuno scandalo politico, nessun tentativo di conquista del mondo(per ora, almeno), solo gente brava a scandalizzarsi e non in grado di leggere le informazioni utili prima di effettuare un download. Senza poi dire che 0.79 centesimi l’anno per mandare sms verso tutti in tempo reale, sono una cifra irrisoria. Basterebbe informarsi prima.

Tag:, , , , ,

No Comments
Story Page