close
Breaking news

L’artista sarà sul palco dell’Ariston anche in veste di direttore a...read more Messico, ucciso assistente di produzione di ‘Narcos’: cercava locati...read more L’1 settembre uscirà il nuovo attesissimo album di Ensi, dal titolo V. Qu...read more Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more

The Final Cut, il taglio finale dei Pink Floyd

pink-floyd-the-final-cut

pink-floyd-the-final-cut

Perché recensire “The Final Cut” dei Pink Floyd, a più di trent’anni dalla sua uscita?

Forse perché l’ho riascoltato ieri sera, liberando il disco da un sepolcro di polvere, tornando indietro di così tanto tempo da sentirmene quasi imbarazzato.

O forse perché è stato in assoluto il primo long playing da me acquistato.

O forse, ancora più semplicemente, perché si tratta di un bel lavoro, certo non paragonabile all’inarrivabile “The Wall“, ma comunque pregevole, sia per i testi che per gli arrangiamenti (anche se un po’ più scarni, vista l’assenza in questo album del compianto Richard Wright), che di fatto ha sancito la fine di un ciclo, o quantomeno della presenza a volte troppo ingombrante di Roger Waters all’interno del gruppo.

Ma “The Final Cut” è anche qualcos’altro. Waters, con la sua voce straordinariamente pacata, infonde a tratti momenti di calma, alternandoli ad improvvise variazioni che, come schegge disperate, alzano il tasso di adrenalina suscitando le più disparate emozioni.

E cos’è in fondo la vita se non un susseguirsi di note contrastanti in cui normalmente si avvicendano alti e bassi, quiete ed angoscia, gioie e dolori?

Devo dire che, a dispetto dell’età, il disco rimane sempre attuale, sia per l’originalità che ha sempre contraddistinto i Pink Floyd nel panorama musicale mondiale, sia per le tematiche mai passate, purtroppo, di moda, come la politica poco pacifista (per usare un eufemismo) dei governi, la disinformazione sistematica o il controllo (o danneggiamento) delle menti, a partire già dall’infanzia.

Malesseri e sistemi ormai così radicati da rientrare nel novero delle assuefazioni. E si sa, l’abitudine rende normali anche le cose più aberranti. Impedendo anche di dare il “taglio finale” necessario a recidere tutti i legacci che ci impediscono di correre verso la libertà, anche solo di pensiero.

 

Tag:, , , , , , , , , , , ,

No Comments
Story Page