close
Breaking news

Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more La quarta serata è quella della noia e dell’eliminazione di 4 big. Poi c’è...read more La serata delle cover ti catapulta nel film The Purge. Una notte in cui tutti gl...read more Finalmente toccava ai giovani. Finalmente. Oh. Ecco. Che palle. Carlo Conti: 5,...read more

Testi Don Joe & Shablo – Thori & Rocce

Album: Thori e Rocce

Artista: Don Joe & Shablo

Anno: 2011

 

Testo Le Leggende Non Muoiono Mai

(feat. Fibra, Jake La Furia, Noyz Narcos, Guè Pequeno, Marracash, J Ax e Francesco Sarcina)

Fibra :
1 per i soldi,
2 per lo show,
3 per il beat di Shablo & Don Joe!
Il disco è fuori come un balcone,
i fan saltano in aria come Falcone,
se fallisco basta che tu mi ammazzi,
e ritorno famoso come Sarah Scazzi!
Io con la rima come Raimondo e Sandra,
sono il meglio come l’erba in Olanda,
segui l’onda, sposta gli accenti,
uso passaggi segreti come gli agenti!
Lo 007 del rap italiano,
rimo 7 su 7, tu 0 in italiano!

Jake :
Hey, hey, Jake è da anni che è qua(qua,qua),
al contrario di voi altri che da anni siete quaquaraquà,
coi pezzi da novanta su questo ambaradan,
scegli chi ti sfonda, fai la conta, ambarabà!
Ancora hanno cartucce ‘sti venduti, zio
senti bene la versione hip hop di Call of Duty
è Don Joe & Shablo che aprono le voci nella schiera,
ti crepano le orecchie come ad uno che ha la lebbra!
Sono più hardcore di Arcore nel sotterraneo,
non mi fotte un cazzo fra, basta che fotto e magno,
e sputo sul giornalista che si sdegna,
perché fra, chi sa fare fa, chi non sa fare insegna!

Sarcina :
[Rit.] Qui un domani non sai se ce l’hai!
Thori & Rocce non mollano mai!
Le leggende non muoiono mai!

Noyz Narcos :
Uno per ‘sta merda Truce,
due perché è dalla mia parte,
tre per soldi, punto un dito medio in aria per le guardie,
apri il Gran Riserva nel bicchiere dentro Artic,
ficca e vomita un altro litro, un kilo di idroponica!
Cronaca di Roma, il disco alla procura,
senti come suona il campanello e poi lo sbirro te le suona,
portacela buona per la batteria più ingorda
da Palermo in Franciacorta, […] un’altra botta
un altro stronzo […] critichi per cosa dico
sono il frutto di ‘sta merda, chiaro amico?
Non ho il politico (?) bancario a fine mese
ho fame come un corleonese quest’industria paga le mie spese!

Marracash :
Sono come Kratos fra, ho le lame e le catene,
ho più nomi per la coca che eschimesi per la neve, zio!
Da piccolo in Sicilia mi chiamavano Milano,
non capisco questi rapper col nemico immaginario zio,
ho un superflow,
ogni tuo commento è superfluo,
e l’evento è più di Champions League e di Superbowl,
porto l’hip hop al top come a New York o a Parigi,
sei una showgirl, sei una Heather Parisi!
Da quando ho cominciato a farmi,
ho raccolto e fumato più piante che a Farmville,
vuoi competizione? Non c’hai flow, non c’hai armi,
questa è l’evoluzione, Ciao Popper, Ciao Darwin
MARRACASH

RIT.

Guè :
G, U, E, leggenda,
lei è così tanto sotto che all’anagrafe ci va e si fa cambiare il nome in Guenda,
qua sono una stella frate e fotto la sfortuna,
anche sulla faccia scura è più nascosta della luna,
dal non mi passa più frate passo al passpartout,
dalla BMX passo alla BMW!
Ero tutto esaurito, mo passo al tutto esaurito,
ma non sono vostro amico no, io mostro il terzo dito!
dì a Laura, dì a Chiara, dì a Sara,
che siamo in quell’hotel, voi cascate Niagara,
la creme della crema, il club trema baby,
Guè Pequeno è il nome, questo è hip hop baby!

J Ax :
Io non fumo una base, ci butto su parole,
la rendo più pericolosa delle droghe,
riscrivo il mio destino a partire dal nome,
come la Minetti quando s’è fatte le minnone!
J Ax, mica Escobar Pablo,
esco dal bar con Don Joe e Shablo!
Musica del diablo, sfascia-cranio,
questa rima è fungo, il tuo cervello è Super Mario!
Faccio il colpaccio, come la Canalis,
per voi teste di cazzo ‘ste parole sono Cialis,
sarò il vicino con l’erba più verde,
sarò con voi per sempre,
come un herpes!

Testo La guerra dei poveri

[Jake la Furia]
Bravo Jake, bravo
co sta faccia dove vuoi che vado?
sono un nemico dal giorno che sono nato
troppo rap per gli zarri
troppo zarro per il rap
anche se ogni volta faccio scoppiare il bum bap
troppo pop per l’hip hop
troppo hip hop per vendere dischi
troppo ricco per strada,
stoppo street per i ricchi
dico l’italia fa schifo e sono un alieno
poi lo dicono gli altri e gli dicono “genio”
diverso da chi copia i divi e i loro stili
non compro un barboncino, io ho un pitone da venti kili
e tutti hanno da dire e poi rappano come me
se non era per i dogo in italia finiva il rap
e oggi quello che non va bene perchè ha messo troppo in banca,
quell’altro è troppo zanza,
quell’altro ha troppa bamba,
quell’altro è sempre in piazza e si è fuso assieme alla panca.
io volo più in alto, zio, mosca bianca!

RIT.
sono tutti contro tutti, nessuno contro nessuno
la guerra dei poveri per il numero uno
e la metà di questa gente io non so neanche chi è
forso io non piaccio a loro ma nemmeno loro a me.
sono tutti contro tutti, nessuno contro nessuno
e ogni fottuto giorno mi stanno attaccati al culo
e la metà di questa gente io non so neanche chi è
forso io non piaccio a loro ma nemmeno loro a me.

[Nex Cassel]
Hey Jake, ma sti fake li hai visti? che tristi!
quello che non vedo ancora sono i loro dischi
in cerca della redenzione prendo in mano il mic
condannati pe i reati come Malcolm X
no professori Rocce e Thori, qua guardi e impari
qua siamo vecchi per giocare ancora a guardie e ladri
fare la cosa giusta cosa costa
manovrati dai servizi come cosa nostra,
questa è casa nostra!
vedendo dei tuoi scazzi io e la mia donna
abbiamo pianto sangue come la madonna
stiamo dalla stessa parte uomo stai calmo
vuoi scazzare con i miei? ok, vai Rambo!
sono un soldato niente guerre fra mc’s
ad ogni beef mi hanno poi portato fino a giù in commissariato
non ho paura ho fatto mille volte, mille lotte
ma faccio guerra coi magnaccia, mica ste mignotte!

RIT.

—-


Testo Dai Dai Dai

RIT.
Dai Dai Dai
combiniamo tanti guai guai guai
combiniamo tanti guai guai guai
e non cresceremo mai mai mai.
Dai Dai Dai
combiniamo tanti guai guai guai
combiniamo tanti guai guai guai
che non cresceremo mai mai mai.

[Don Joe & J-Ax]
Le vostre signorine, si fanno i ricchi
15 giorni dagli sceicchi
le nostre signorine hanno più stile
e a loro piace se parliamo scurrile.
Il vostro capo, vi ha fatto il culo
vi ha tolto pure lo sperare nel futuro.
il nostro capo, non caccia balle
il nostro capo attaccato alle spalle.

[J-Ax]
Dai Dai Dai!
Fammi cantare
così portiamo sto tempo che passa male
vivo per miracolo,
non domandare
cosa consiglio a chi ce la vuole fare.
Stessa domanda
la solita risposta
il segreto del successo
è non farlo di proposito
è andare in banca
con un fucile a pompa
puntarlo allo sportello
e poi fare un deposito.(pum)
La gente alza le mani
tu alza il gomito
non sente la puzza di vomito dal monitor?
Per rimanere tonico
fare pesi al bilancere
per bilanciare il tasso alcoolico.
Neanche un’amico
che non sia un partito,
neanche un amico in un partito.
Usa il terzo dito per parcondicio
nei corridori rai fuma la white widow.
E’ provare cento paia di scarpe da Prada,
dopo che non lavi i piedi una settimana,
salire in ascensore,
schiacciare ogni bottone,
e poi annunciare i piani ad alta voce.
PRIMO, SECONDO!!!
Se fossi donna sarei la puttana più marcia del mondo,
e attaccherei l’AIDS a tutto il G8
così l’antidoto salta fuori in un giorno.

RIT.

Dai Dai Dai!
Abituati ai veleni
fino da bambini ubriachi coi Boeri.
Vai all’ospedale con un camice
e diagnostica a qualcuno un male incurabile
quando gli dirai che sei un finto dottore
si incazzerà ma sai poi che gioia nel cuore
provarci con le mogli davanti ai mariti
così rinnovi la passione alle coppie in crisi.
Entrare in un appartamento,
non rubare niente,
spostare tutti i mobili,
lavare il pavimento.
Vendere droga nei quartieri dei ricchi
e coi proventi prendi solo libri e dischi.
Bimbi!
Volete essere me?
eh beh
attenti questa musica ha più cazzi con se
che chat roulette
La gente riconosce che io dò
quindi mi fa re.
Perchè sai che anch’io pagherei Ruby
ma per farla e finire gli studi (ahah)
e non importa quanti soldi mi sudi (quanti?)
ne ho la metà dei camerieri di dughi.
E portare il quartiere in televisione
l’immondizia di Napoli in via Montenapoleone
con un bel ritornello piacione
Combinando tanti guai guai guai!
Con una canzone.

RIT.

[Don Joe & J-Ax]
Le vostre signorine, si fanno i ricchi
15 giorni dagli sceicchi
le nostre signorine hanno più stile
e a loro piace se parliamo scurrile.
Il vostro capo, vi ha fatto il culo
vi ha tolto pure lo sperare nel futuro.
il nostro capo, non caccia balle
il nostro capo attaccato alle spalle.

Dai Dai Dai!

Thori e Rocce! J-ax!
rappresentante all’accademia delle teste dure.
Il rap’n roll più marcio e mutato che puoi trovare
tutto il nord, sud , centro.
EUROPA,ITALIA,MONDO,PIANETA
e sono fuori di qui!

 

—–

 

Testo l’ultimo giorno che ho

[Deleterio]
RIT
Fumo come fosse l’ultimo giorno che ho,
fotto come fosse l’ultimo giorno che ho,
domani boh zio, vivo mo zio,
la morte è un’avventura paura non ho!
Bevo come fosse l’ultimo giorno che ho,
spendo come fosse l’ultimo giorno che ho,
domani boh zio. vivo mo zio,
la morte è un avventura paura non ho

[Marracash]
Calcolando, che fumo circa un k l’anno
più due k di litri d’alcol più altro se ci scappa ogni tanto,
scopo tanto zio ma è l’unico sport che faccio,
la linea della vita l’ho già pippata dal palmo,
già stato all’inferno e sono tornato abbronzato,
ho così tanti film in testa che mi sono abbonato,
non è una novità che un futuro costa caro,
faccio puro bogotà e sono un puro borgataro,
davanti a me c’è sempre stata una merda, un cocco di mamma
come è vero che c’è sempre erba nel cocco di Marra
l’idea che tu mi batta campa poco come una farfalla
faccia a faccia non ti presenti come il premier in aula
e così in giro dal tramonto all’alba
invischiati in storie street, come insetti nell’ambra
io li faccio e poi li spendo non posso portarli dietro
non voglio essere il più ricco del cimitero.

RIT.

[Marracash]
Marracash spacca tutto
scatena terremoti come l’HAARP
senti le vibrazioni come il gruppo
ragazzo triste come patty pravo
zio la canticchiavo,
la mia ex era così fredda che ci pattinavo
non compri Gucci perchè fa bene le camicie
tu vuoi gucci gucci gucci gucci sulla superficie
con la tua tipa non va perché siete due femmine
a volte frà i nodi spezzano il pettine
ho lasciato questa siga per i postumi
non per i posteri, e pezzi di vita come post-it in tanti posti
zio spostati perché siamo spostati
la musica era l’unica, ci siamo sposati
Marracash fanculo il domani è già qui
faccio surf sopra uno tzunami, na’mean?!
hai un bell’aspetto baby come un assegno con tanti zeri
lasciamoci alle spalli ieri, vedi?

RIT.

——-

 

Testo perchè posso

[Ntò]
RIT.
Dall’altra parte del cordone rosso (se)
pietre addosso e la pietà è un ricordo (perché?)
Perché posso, perché posso
quello che vivo è il sogno che ho rincorso (l’ho cercato)
è un peccato adesso non andargli incontro (è mio)
Perché posso, perché posso…

[Ntò]
E bene si dio benedica ogni cifra che diventa ardente
per chi inventa col proprio talento,
un altro rapper probabilmente non sa cosa abbia in mente
immagina non sia contento del suo seguito
dimentica da dove vengo (Marianella!) so solo accudire la gente a cui devo
la strada mi da credito accademico
parlo alle scuole medie nei progetti di recupero
hip hop quotables
appeso a un offesa come un obeso
drink offerto anche se forte lo bevo
il mio nome è Tony, faccio brindisi
vi serve gente come noi, cattivi esempi a cui puntare gli indici
attento a di che parli nei momenti intimi
lo sputtanerà ad un altro poi quando ci litighi (non lo sai)
lesbiche svestite sneaker che non riesci a pronunciare
scegliere vuol dire pure rinunciare….

RIT.

[Luché]
Vengo dalla strada più pericolosa
la via dei sogni infranti, infradito ed infrarossi
mi arricchisco come un ninfomane del lusso
amami o odiami, e se fa male c’è più gusto
e come se tu lavorassi per restare uguale
la vita mia tra ambulanze e vendite ambulanti
ci univa un freddo cane e sogni di connessioni internazionali
i voli e scali pieni di regali
nel dizionario sei di NAPOLI, sei un aggettivo
l’unico dio, il potere di cambiar destino
un viaggio in taxi e un kilo nella borsa
mi fa guidare un mini che mi fa sentire maxi
poker d’assi, vado in crociera sul Nilo
completo bianco lino e il mio futuro su un papiro
un napoletano è forte, come un leone
facendo shopping in via Montenapoleone
le regalo un fiore in segno del nostro amore
mantengo affianco solo donne che hanno il mio dolore
e siamo come un angolo di strada e il suo lampione
mi illumina, perché vede asfalto nelle mie parole….

RIT.

—-

 

Testo primo carnera

[Strofa 1 – Amir]
Chiamami Roccia niño, come La Rocca Nino
Sono un Carnera punto in alto arrivo sempre primo
E’ knock out se lotto col destino
Se mi sveglio allenamento cinque del mattino
Con Joe e Shablo mi sento più di un toro
Vogliono il sangue gridano BUMAYE tutti in coro
E la strada è il quadrato da cui provengo
E la gente che mi rispetta è la gente da cui dipendo
Scatenato come Rocky Marciano
Un mercenario in guerra con i miei soldati marciano
E’ la rivoluzione, presa di posizione
E’ un altro trofeo che aggiungo alla mia collezione
Non colpisco basso e in faccia, sono il più leale
Ne’ voglio essere il più vero, sono il più reale
Puntami il riflettore
Chiamami campione
Peso piuma già dai tempi delle Sacre Scuole

[Rit. – Montenero]
Oh! Ho la roba che ti manda più fuori anche se non sono in tv
Verde giallo e viola sono i colori
Nella tasca non distinguo più
Verde bianco rosso non è la mia bandiera
Su questa strada faccio carriera
Su questa strada con un Carrera
E in quello che faccio sono il Primo Carnera

[Strofa 2 – Duellz]
Apro gli occhi e ti penso, Vandelli
Io il vampiro tu lo stronzo, Van Helsing
Tanto passo sempre dalla parte del torto
Devo spingere forte sapendo di essere morto
Pugilato, fucilato alla mercè di un altro idiota smidollato ormai vaneggi
(Metti ???)
Non li senti?
Parlano di me come i tuoi nonni parlavano di Valcareggi
Thori & Rocce
Voi altri col sapone a giocare nelle docce
Noi sempre in giro co ste stronze (biatch!)
Prendono il cazzo una volta all’anno
Poi rimangono sconvolte
Ho la faccia di Clint Eastwood in Gran Torino
La mia squadra è vincente, grande Torino!
Tu sei un pezzente
Ma non c’entrano gli averi perdi oggi come hai già perso ieri

[Rit. – Montenero]
Oh! Ho la roba che ti manda più fuori anche se non sono in tv
Verde giallo e viola sono i colori
Nella tasca non distinguo più
Verde bianco rosso non è la mia bandiera
Su questa strada faccio carriera
Su questa strada con un Carrera
E in quello che faccio sono il Primo Carnera

[Strofa 3 – Montenero]
Lo scrivo versi dolce frate crudi come sushi
Spendo sette gambe in zero-due Louis Vuitton Gucci
Il beat è un ring e io sono imbattuto: Mayweather
Tu picchi forte Parisi, non Giovanni ma Heather
Il Dogo entra nel tuo cuore come una latina
Il mio flow disseta fra’ lo vendono in lattina
So’ dentro ad un confessionale con la dinamite
Salta tutto BOOM il Cristo appeso se la ride
(Se) Giro con i thori zio giro con le rocce
Sul petto e in faccia ho i fori nelle mani stringon bocce
Vieni con me, ti porto dentro un mondo nuovo (nuovo)
Col Don & Shablo senti alzare il livello del suono
Vengo dal futuro, replicante Blade Runner
Riguardo al rap sono sopra a te di troppe spanne
Mi trovi nella city come la scritta “fuck tidos” (fancu’)
Piscio sopra i miti, cambia strada amigo

[Rit. – Montenero]
Oh! Ho la roba che ti manda più fuori anche se non sono in tv
Verde giallo e viola sono i colori
Nella tasca non distinguo più
Verde bianco rosso non è la mia bandiera
Su questa strada faccio carriera
Su questa strada con un Carrera
E in quello che faccio sono il Primo Carnera

—–

 

Testo sono ancora qui

[Entics]
RIT.
Sono ancora qui, per un altro giorno
Domani partirò, domani partirò
Faccio le valigie, no, non so quando ritorno
E non aspetto un attimo, non aspetto un attimo
Vieni con me…
Dimmi se vieni con me o no?

[Caneda]
Il saggio se partirò
Non ti sveglierò
Senza far rumore, uscirò
Come sono entrato, senza chiave
Come quei momenti, senza parlare
Piccola, questa vita è mia
Senza regine, ma so la via
Per uscire, senza morire
Scrivere ti amo, senza soffrire
Se stai leggendo, sarò già lontano
Su un treno merci, fuori scritto Cano
Morirò solo, vecchio leone
Morirò solo, come un coglione
Senza amici, perché ora
Che uccidano gli amici, è ora
Trasformo lacrime in diamanti
Come due amici in due amanti.

RIT.

[Entics]
Si avvicina il giorno e tu mi guardi
Non sai come comportarti
Nella segreteria non lascio più messaggi
Adesso vado solo via e non puoi rintracciarmi, credi
Stia scherzando baby,
Resta qui mi chiedi,
Ma tu non mi leghi,
Dimmi solo se vieni,
Lasciamo qui i problemi,
Spero che tu non dica no, no, no,
No, no, no…

RIT.

[Ntò]
Ho solo 1440 minuti (un giorno)
per andar via da questi campi minati e contaminati
Pare di stare nei cartoni animati,
cantano anche i muti
Qui ci siamo conosciuti,
se non vieni con me sciupi
Un destino per questioni (stronzate)
Aquiloni trattenuti dall’autostima
Di essere rinati da ceneri di diossina
Un giro nuovo alla clessidra
Considera le mie parole un reclutamento
Perché vivendola la realtà è talmente più violenta
E non mette a tempo il battito cardiaco e il ticchettio del pendolo
I miei amici, tutti intorno alla ventina, sportback
Se lo champagne cade porta bene
Indagini(?) e vecchi guai, stanno dentro un’agendina
Dove vado non c’è linea, Uruguay poi Argentina
Suono clacson di mattina, tutto crolla, riempi il trolley
E’ una storia che continua: io non mollo, tu non molli.

RIT.

—-

 

Testo grand prix

(Vincenzo da Via Anfossi)
Don Joe zio,
Pablo Shablo,
Il suono che ti entra nelle vene
Quando vuoi zio,
Muovi il culo
Questo è il grandprix,schiaccia il pedale
Benzina Nel tuo motore

(Ted Bee)
Shablo mandami sto beat che caccio un’altra bomba
Don arrangiami sto mix che spacco un’altra volta
Qui se piaci sei un venduto e sputtani una cultura
E sei di nicchia se nessuno ti si incula
Sarà che sono un randa ma frà a me mi basta
Che la mia traccia spacca,cos’è sta doppia acca
Ai live ci vado fatto e non faccio le prove
Spingi il mio nuovo disco,Centodieci e lode
Prima di ascoltare il res(???) frà me ne andavo fuori con Max e gli 883
Martello su sta cassa (????)
(???)
La mia crew (???)
Un po come quelle che hai tu,elevate al cubo
Ancora che mi chiedi se facciamo un pezzo assieme
E’ l’ora che ti levi dai coglioni come il premier

(Royal Mehdi)
Come se bastasse raccontare un altro dramma
Ma qui ogni fotogramma parla da se
Thori e Rocce con o senza pedigree
Cartucce in canna,scarica la semi-automatica sul beat
Occhi che hanno visto minimo mille sogni rinchiusi
Dietro una grata con la scatola cranica invasa da scimmie
Non è uno scherzo,qui svoltare è facile
Le scelte sono due,vedi di essere agile
Ci vuole manico per non finire in Via del Gomito numero due
Di certo devi essere esperto sotto pressione,sotto stress,
Non ce la fai a chiederti come mai
La tua durata in strada non è quotata nemmeno alla Snai
Eppure sono certo,eri tu quello che diceva
Non posso essere comprato
Non è che ha perso la situazione di mano o di naso

(RIT. X2)
Sì il rap è così,
Tu non ascolti ma mi senti
Sono pensieri 3D
In testa come un rally,
Come corse clandestine
Questo è il nostro grand-prix

(Rischio)
(???) rivivo la vita in un flash
Come (???)
Mentre lei guarda i miei soldi e le sue nuove mesch
Tutti fanno così ma Rischio non misura il cash,
Misura lo stress,
Misura il tempo per chi è dietro e sta pensando a me
Fratello questa è per te (???) un test
Oggi che è il passo della tigre (???)
(???)
Bimba prega per noi che non siamo santini e eroi
Questo mondo di avvoltoi,noi colpiamo come il boss
(???)
E per tutti quelli infami è un addio oggi che prendo il mio
Portare in alto B.O.
(???)
Con più fan che Red Bull

(Vincenzo da Via Anfossi)
Benz Benz zio,D.O.G.O
Lascio fuori gran zio (???)
Il mio percorso lascia l’olio sulle dita
E il grasso che cola strappa la pelle per l’uscita
E’ la mia vita frà,attività illecita
Così dura da finire su pellicola
Senza patente a 15 anni con un camion al campo rom
E il sapore della strada già nel biberon
E’ il grand prix zio,conta solo se sei tra i primi
(???) per la Lamborghini
Tutto il mio corpo (???)
Ma è dura chi si evita il botto finisce alla questura
E picchia in testa come un motore che fonde
E non si ferma finchè non brucio le gomme
(???)
E mi sono già tirato la linea d’arrivo

(RIT. X2)
Sì il rap è così,
Tu non ascolti ma mi senti
Sono pensieri 3D
In testa come un rally,
Come corse clandestine
Questo è il nostro grand-prix

——

 

 

Testo senza un domani

[Guè Pequeno]
Se tu non ci fossi domani
Mi cambierebbero le linee della vita sulle mani
Non riesco a dormire perché sono troppo stanco
Quando chiudo gli occhi sono sogni d’oro bianco
E diamante, ti penso così forte,
Che già capisci tutto anche se non dico niente, certe volte,
Sono fedele a modo mio
Io credo negli alieni, mentre voi credete in Dio
Fuso come l’orario,
Alza il tuo sistema monetario
Crolla quello immunitario,
Muori giovane: leggendario
Il mondo è loro, noi restiamo senza chiavi
Il mondo è loro, noi restiamo degli schiavi
Inseguo ste comete, oggi è l’ultimo giorno
Forse uno come me riesce ad avere una come te
Il cielo che finisce, in paradiso è difficile entrarci,
ma da lì poi non si esce.

[Emiliano Pepe]
RIT.
Strade di qualunque citt�
Tutti i posti sono uguali se sai come si fa
E questo il mio silenzio lo sa
Cammino come non ci fosse un domani.

[Luchè]
Mi dissero finché mantieni il mistero
una donna ti esibisce come fossi un trofeo,
e l’amore è un campo di battaglia come un rodeo,
in più sono un ragazzo di strada e non dimostro affetto
Ero così Ghetto, che uscire in tuta era cool
Old School, impedivo gli Stilettos
picchiarti, davanti agli altri, è l’eccessivo ego
e poi piangere, almeno ero sincero
Tu mi evitavi, e fece così male dentro
che sembra che guardavi a un mare nero e no al cielo
e il tuo ex, che ci impediva che ci unissimo,
e scopare così forte, che sembrava che ci odiassimo
Due gambe di un compasso, non sai chi segue l’altro,
non ti raggiungo neanche se aumento il passo,
quante cose che rimpiango, dal basso degli errori che ho fatto
e che avremmo potuto volare in alto.

RIT.

 

—–

 

Testo Vinci O Perdi

[Strofa 1]

Chi non partecipa è l’unico che non perde mai…
Quando ho partecipato a quindic’anni ad una gara di skate
alla pista di pattinaggio
era metà maggio
ai primi istanti
mi do la spinta
la tavola scivola e cadi a bocca avanti
tutti gli altri, che saltavano, urlavano, andavano meglio di me
infatti li guardavo stupito come bambi
quel giorno anche se ho perso ho vinto perchè stavo con i grandi
qualche hanno fa ero in un gruppo di amici
che per fare il rap ricordo mille sacrifici
pensavamo di farcela tutti insieme, uniti
come fossimo in pista con la stessa bici
per quante rime abbiamo scritto
nessuno ce l’ha fatta a parte il sottoscritto
un sogno
che si avvera tutto in un giorno
ora ho vinto ma ho perso tutti gli amici intorno

[Rit.]
A volte quando perdi in verità vinci, a volte quando vinci in verità perdi e non importa quante volte vinci o perdi conta quanto ti metti in gioco
e non dipende da me nemmeno da te
e non dipende da te nemmeno da me
e non dipende da me nemmeno da te
chi non partecipa è l’unico che non perde mai

[Strofa 2]

La mia ragazza mi guarda come se fossi un pazzo
per questo è pazza di me e della mia vita messa in piazza
le ragazze non ti cercano quando sei solo
quando sei con altre ti accerchiano
la teoria della prova che sei valido a letto
oppure resti a letto invalido
potrei vincere un viaggio e perdere tempo
prendere il tempo e fermarlo come in un villaggio
potessi parlare con Dio direi magari
facci tutti uguali
facci tutti uguali
o tutti santi oppure tutti fatti e criminali
facci uguali uguali
facci tutti uguali
quando ero piccolo volevo essere grande
ora che sono grande vorrei tornare piccolo
fai attenzione a cosa sogni, donna o uomo
la maggior parte cerca cosa che non ci sono

[Rit.]

 

 

—–

 

Testo Guarda Bene

[Chief]
Sotto questo cielo grigio oggi esplode il sole
sotto queste nubi tossiche ride il dolore
terra che si spacca come creta sotto i colpi del bastone del padrone
fa terrore come i colpi del cannone
tempi di tumulti, tempi di rivoluzione
tu mi fischi e poi mi multi se cerco l’ evoluzione
tutti in posizione, qui ti saldano a 90
è un imposizione, o solo un vuoto a maggioranza
poco cambia qui si scambia ogni punto di vista
vedo bene, vedo chiaro, no ti illudi è una svista
la lista di chi sta insieme al regista
è indegna per me, ma degna del mio analista
e dista da me come la terra dalla luna
non ho la luna storta, comincio a stortarmi all’una
ma dalla cruna dell’ago passerà la verit�
tranquilli, relax, una risata vi seppellirà!

[Reverendo]
RIT. x2
Oltre questo suono del dolore che c’è?
oltre l’orizzonte del tuo amore che c’è?
senza ma, senza se, senza perché
guarda bene dentro te!

[Mixup]
I know, you know no non si sa
il suo sole sotto divampi verso un’altra realt�
se non ti lecchi le dita godi solo a met�
licantropi mangiati le dita e lasciane met�
e i miei versi fan paura
neanche mille pugni in faccia fermerebbero il processo di scrittura
io vi lascio fare senza dirvi niente
quando sembra che mi abbiate fottuto vi licenzio tutti
Mix farà lutti mmh buoni sì
ma per ballare la salsa tutti muti
è chiaro? e tu combatti per le tue di sorprese
che non le trovi nelle Wackos
e se il mio flow è una Delorean il tuo è una Skoda
per di più senza proda
non perdona ti rimane in gola
come la mano di dios aka Maradona.

RIT.

[Dargen]
Sono un outsider come Easy Rider
però sulla strada con Maria Snaida prendila sul ridere
il peggio del mio personaggio non è vero
d’ altra parte anche il meglio non va preso sul serio
mettici una croce sopra, come Cristo e il pareggio
manchi di rispetto a me, io nemmanco ti schiaffeggio
anzi si, ti schiaffeggio con la telecinesi
poi vado a pranzo al bar e scrocco la tele ai cinesi
e scrivo una strofa come questa ogni morte di papa
riempio la carta in Vaticano qualcuno si gratta
col flow duemila e boh, mettici una data a caso
che tanto ferma il tempo, come il Burkina Faso
il flow che garanzia non servono dati extra
vi siete già dati giù dalla finestra, estradati
ma che diavolo sto dicendo? schiaffeggiami vento
Dice mettimi un lento, se ballo mi riprendo
mi conceda questo walzer, anzi la gonna baltzer
una sveltina in piedi, mi pulisco nelle calze
poi torno a casa in treno e mi metto a letto sereno
col cuore pieno e il corpo avvolto in qualche vecchio seno.

RIT.

La vita la morti da dentro
l’afferri se lotti soltanto
non serve fuggire mentendo
non cambierai nulla piangendo, piangendo
perché…

 

——

 

Testo Fuori Luogo

[ Fedez ]
Fuori luogo, tunisino sul gommone in mare aperto
fuori luogo, Berlusconi sotto il palco al mio concerto
nel deserto, hai presente quando hai sete tutto secco
prima pompa a cento miglia, non hai benza resti a secco
fuori luogo, la tua tipa resta incinta con il mestruo
fuori luogo, vostra figlia violentata dal maestro
basta un gesto e il paradiso si tramuterà in inferno,
per amare basta un cuore trafugato dallo sterno
fuori luogo, Aldo Busi che limona con la Yespica
fuori luogo, come il feto dentro il ventre di una lesbica
da bambino non giocavo mi sentivo fuori luogo
sono diventato grande ora mi piace questo gioco
fuori luogo, fuori dal coro, fuori dallo stadio, fuori dalle risse, fuori dalle piazze, fuori dalle radio
fuori per le paste sono diventato pazzo
fuori luogo come quando vengo, fuori dal cazzo.

RIT.
Siamo fuori luogo qui, siamo fuori luogo l�
abbiamo rime fuori luogo ma di qualit�
siamo fuori luogo sì, siamo fuori luogo ma
noi restiamo qui, voi restate fuori di qua,

[Canesecco]
Io me chiamo Canesecco e rappo quando non scopo
e sinceramente non lo faccio manco da poco
ma porto a sta nazione rime estreme e fuori luogo
come un portiere che è finito in fuorigioco
un giapponese da pischello m’ha insegnato il karate
ma non m’è servito quello a difenderme pe’ ste strade
quello l’ ho imparato osservando mi padre prende a calci in culo chi ha provato a farce male
le rime tue so convinto che le scrive tua madre
non ce credo che scrivi cose così delicate
io vivo tanto estremo per il rap italiano
e continuo contromano da Roma fino a Milano
vivo fuori mano resto fuori moda e sogno agio nel disagio se prendo la banconota
fuori controllo, fuori rotta e fuori quota
resto fuori dagli schemi e dai problemi del co-pilota.

RIT.

[Gemitaiz]
Ho sempre detto quello che penso
penso, nessuno sà quello che ho perso
preferisco dire cose con senso
preferisco il disagio al tuo consenso
dal primo disco mi sono sempre sentito di un altro pianeta
pensavo fosse la gavetta,
ma adesso non credo io so che li vedo a guardarmi così anche ora che immagino date il mio nome in scaletta
sempre stato fuori luogo nelle serate mondane
la maglietta con il logo vale più di mille collane
in rete non rispondo sotto i link hater
non mi sento gli insetti addosso come Linkraider
so bene se sono me stesso, almeno io non faccio finta di essere depresso
è stata la prima cosa che ho promesso
essere vero è l’ unico compromesso.

RIT.
—–

Testo io non mi fido di questo sistema

IN AGGIORNAMENTO….

—–

 

Testo Il Resto Del Mondo

[Ensi]
ei ei ensi, emis killa questo è il nostro paese,se le cose non vanno la soluzione non è mollare tutto e andare via ma restare qua e cambiare le cose…

Vuoi i conti in Italia, bel paese di mazzate, di pizza, mandolino, mafiosi e raccomandati, la meritocrazia è fra i reati ed è evidente che gli amici laureati o vanno via o stanno nei call center
non c’è più niente nel portafoglio neanche l’orgoglio
non c’è più gente con del midolleo
i politici qua chiavano e ci mandano all’inferno
in Evanno in piazza e gli ribaltano il governo
qua l’inglese perfetto: sambuca e caffè corretto, in europa parla 2 lingue perfetto anche il senza tetto, qua parliamo l’italiano e sappiamo che non è detto(naa) tu prova, chiedi qualcosa e ti rispondono in dialetto
ascoltiamo tutto il mondo l’attitudine dà il posto, la moda e gli attori porno, i motori e i prodotti doc
chiedi a Shablo chiedi a Don questo qua è l’Italia al giorn c’è gusto ad essere italiani (mmmm) non lo so
[Rit]
A Parigi tutti sembrano snob (sembrano snob)
ma anche a San Michelle ascoltano Hip Hop (pompano Hip Hop)
a pechino vanno in giro in risciò (in risciò)ma in medicina è tutto quello che c’ho (anche l’Ipod)
a New York tutto costa di piu (costa di piu) ma se mi laureo non finisco al fast food (al fast-food)
i bimbi in Senegal non hanno l’x-box(non c’è l’x-box) pero sorridono quando fanno goal
ma in italia non va, ma in italia non va, ma in italia non va (quando il resto del mondo)ma in italia non va, ma in italia non va, ma in italia non va (almeno io fino in fondo…)
[Emis Killa]
al mio paese a 40 anni giocano all’x-box mentre in Thailandia a 12 anni fanno la t-box
l’italiano si sballa, il motivo per chi viaggia: in olanda per la ganja, in Colombia per la bamba
si sta meglio all’estero, piu cresco e piu capisco, Vacca è partito per Kingston, chi l’ha piu visto??
voglio quello che non ho come in usa, basi e flow, chiese chiuse e casinò, case chiuse e casinò (ooh)
Fossi ad Ibiza sarei sempre in discoteca ma qui il disco fra lo inciderei soltanto con la scheda (Killas Vegas)
flow mega che cambio ogni 4/4 come la moneta cambio ogni volta che parti
con quello che faccio qua ho più debiti che limiti, vorrei far l’americano ma son nato in Italy
e non so cos’è vero e cosa no se voi o io come il diavolo con Dio come le tipe a Rio.
[Rit]
A Parigi tutti sembrano snob (sembrano snob)
ma anche a San Michelle ascoltano Hip Hop (pompano Hip Hop)
a pechino vanno in giro in risciò (in risciò)ma in medicina è tutto quello che c’ho (anche l’Ipod)
a New York tutto costa di piu (costa di piu) ma se mi laureo non finisco al fast food (al fast-food)
i bimbi in Senegal non hanno l’x-box(non c’è l’x-box) pero sorridono quando fanno goal
ma in italia non va, ma in italia non va, ma in italia non va (quando il resto del mondo)ma in italia non va, ma in italia non va, ma in italia non va (almeno io fino in fondo.. rimango qua)
[Killa]
In Italia le tipe sembrano snob e lo sono
andiamo in giro con il Porche e non paghiamo l’affitto
Cambiamo le cose rigatz
questo è Shablo e Don Joe
Thori e Rocce
blocco recordz e One mic
Emis Killa ed Ensi per il 2011

 

———

Testo sopranos

IN AGGIORNAMENTO….

——

Testo So Hard

è creare emozioni
cerchi in questi suoni nuove soluzioni
perso nei deliri quotidiani
viaggi strani orari non umani
???isco energie pazze alchimie
con le mie rime aprire nuove vie
il mio lavoro è allargare la coscienza
rinnovare la speranza per chi è rimasto senza
e a volte manda il para
qui la pelle la si vende sempre cara
ma la mia merce è rara
e qui la gente è sempre troppo avara
si lamenta di una vita amara
ma se non ci sbatte non l’impara
e quante volte costa cara?
già a volte sempre costa troppo cara

rit.

chiamami “Mussifà”(?)
lui si fa e più si fa e più ne da
i need a bomboclat
sei pronto? la verità che racconto
viene da un’altro mondo
anni fa in teoria adesso la mia
realtà per te è pura fantasia
al limite della follia nel viaggio
cercando di frenare il mio lato più selvaggio
ma a volte manda in para
non si sa come ne usciamo fra è amara
qui ogni occasione è rara
e te la fanno sempre pagare cara
tutti per il cash in gara
figlio mio tu guarda e impara
a volte non andrà come te l’eri immaginata
ma la vita è una sfida che va raccolta e affrontata

rit.

e a volte mi sembra di combattere contro di me
sono il mio peggiore nemico da sconfiggere
e ogni tentativo sai che è inutile se non lasci che
invece di dividere ritrovi cosa ci unisce

 

 

 

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

No Comments
Story Page