close
Breaking news

Ottime notizie per tutti coloro che hanno prenotato la standard edition di Fifa...read more Arriva la rivoluzione in casa Twitter dopo anni di annunci. Il celebre social h...read more L’artista sarà sul palco dell’Ariston anche in veste di direttore a...read more Messico, ucciso assistente di produzione di ‘Narcos’: cercava locati...read more L’1 settembre uscirà il nuovo attesissimo album di Ensi, dal titolo V. Qu...read more Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more

Superdry: British design, Japan spirit

Un mix di elementi del vintage americano e della grafica giapponese. Sono questi i tratti distintivi del noto brand Superdry, marchio britannico nato a Londra nel 2003

Beckham Superdry

British design, Japan spirit. Superdry riesce a combinare diversi stili: si passa dall’urban fashion (o streetwear, se preferite) – tipicamente da West Coast -, al preppy style con un look vintage ispirato a quello dei college americani (The O.C. e Gossip Girl docet). Il tutto è sapientemente sfumato con grafiche contemporanee del Sol Levante. Voi direte: “E il Sol Levante che c’entra?”. Nulla, non fosse che James Holder (uno dei fondatori del brand, ndr) ha creato la prima collezione nel 2003, proprio dopo un viaggio in Giappone.

Inizialmente, l’idea era quella di mantenere un profilo non troppo elevato. Poca pubblicità, anche grazie alla scelta di non utilizzare alcun volto noto come testimonial. Fino al 2007, quando un tizio che risponde al nome di David Beckham (che si è da poco spogliato per H&M) ha prestato la sua immagine all’azienda (paparazzato con indosso la Brad Jacket al fianco della moglie Victoria). Da quel momento, le vendite sono schizzate alle stelle (70.000 Brad Jacket vendute tra il 2007 e il 2009) e Superdry ha conquistato diverse celebrities che si sono alternate nel farsi immortalare con addosso capi firmati dal brand londinese. Una lista di tutto rispetto che, oltre allo Spice Boy, comprende Leonardo Di Caprio, Zac Efron ed Helena Christensen.

Facile dire che, in pochi anni, Superdry è quindi diventato un fenomeno mondiale, presente con i suoi store in oltre 90 paesi, tra i quali anche l’Italia.

Qualche cifra? Solo nel Regno Unito, vanta 79 negozi monomarca più 71 concessioni in grandi magazzini. A livello internazionale, invece, lo troviamo negli Stati Uniti, in Europa, Asia, Australia e Sud America. Nonostante ciò, se non avete uno negozio Superdry subito sotto casa, potete acquistare gli inconfondibili capi anche tramite lo store online (spedisce i suoi prodotti in oltre 100 paesi in tutto il mondo) che, tra gli altri capi, mette a disposizione del cliente un po’ di felpe interessanti con consegna gratuita in Regno Unito, Europa e Nord America.

Tag:, , , , , ,

No Comments
Story Page