• Print
close
Breaking news

Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more La quarta serata è quella della noia e dell’eliminazione di 4 big. Poi c’è...read more La serata delle cover ti catapulta nel film The Purge. Una notte in cui tutti gl...read more Finalmente toccava ai giovani. Finalmente. Oh. Ecco. Che palle. Carlo Conti: 5,...read more

SPECTRE, la recensione

tumblr_nxjt4tAj5Y1ukwvebo2_1280

Dopo il grande successo di pubblico e critica avuto nel 2012 con Skyfall, l’agente segreto con licenza di uccidere torna nel ventiquattresimo film della saga.

Spectre chiude l’era di Sam Mendes (che ha diretto gli ultimi due film) e tira le fila delle precedenti tre avventure di James Bond, svelando una diabolica regia comune dietro gli avvenimenti di Casino Royale, Quantum of SolaceSkyfall. L’organizzazione-ombra che attenta alla vita di 007 e di chi gli sta vicino non è nient’altro che la SPECTRE, la più famosa organizzazione criminale della saga letteraria creata da Ian Fleming, che i fan del Bond cinematografico hanno imparato a conoscere fin dal primo film del 1962, Agente 007 – Licenza di uccidere. 

tumblr_nxjplk0IGG1qiua3mo1_500Il film si apre con un bellissimo piano-sequenza ambientato durante il Día de Muertos a Città del Messico, che dimostra tutta la bravura di Mendes dietro la macchina da presa, uno dei punti di forza assieme alla fotografia tenue e fumosa di Hoyte van Hoytema (Interstellar, Her), e che alza alle stelle le aspettative per il resto della pellicola. Quello che succede, invece, è un susseguirsi anticlimatico di sequenze d’azione e svolgimento della trama che diventa sempre meno interessante mano a mano che il film va avanti; a cominciare dai titoli di testa, accompagnati dalla melensa (ma non così terribile e in fin dei conti adatta) ballad Writing’s On The Wall di Sam Smith, che per primi ci danno il senso di “finale” mostrandoci flashback dei precedenti capitoli e l’ombra della piovra (simbolo della SPECTRE) dietro tutto.

Dopo la capatina messicana si torna a Londra, dove ritroviamo il nuovo (Ralph Fiennes) alle prese con il nuovo capo dei servizi congiunti (interpretato da Andrew Scott, il Moriarty di Sherlock), che vorrebbe cancellare il programma 00 (quello che da agli agenti come Bond la licenza di uccidere) e dare inizio a un programma di sorveglianza mondiale. Questa trama – di sconcertante attualità – si andrà inevitabilmente a intrecciare con quella dell’organizzazione criminale che 007 sta tentando di scovare, in un susseguirsi di colpi di scena abbastanza prevedibili ma ben resi. Presto emerge la figura di Franz Oberhauser (interpretato dal solito Christoph Waltz che rischia di fossilizzarsi in ruoli da supercattivo), capo della SPECTRE, che sembra condividere un legame molto profondo con James Bond.

L’esperimento di Mendes di creare un Bond postmoderno – una reinvenzione del personaggio colma però di riferimenti al passato – che aveva funzionato molto bene nel capitolo precedente, in Spectre si riduce a un continuo gioco di citazioni e di strizzatine d’occhio che diverte ma finisce per impoverire l’opera finale, complice anche una sceneggiatura ridotta all’osso e piena di cliché. Le interpretazioni sono perlopiù ottime, dall’ormai rodato Daniel Craig (in forse la sua partecipazione al prossimo film, ma i produttori assicurano che ci sarà) a Ben Whishaw nei panni del fidato (i siparietti fra lui e Bond sono fra le cose migliori del film), alla splendida Léa Seydoux un po’ sacrificata nei panni di un personaggio così piatto come quello di Madeleine Swann (nonostante il tentativo iniziale di renderla diversa, alla fine ricade miseramente nello stereotipo della Bond girl); la tanto osannata partecipazione di Monica Bellucci si riduce a pochi minuti di presenza sullo schermo (un po’ come accadde per la connazionale Caterina Murino in Casino Royale), resi quasi insostenibili dalla decisione dell’attrice di doppiarsi da sola.

In conclusione, Spectre è il classico film di James Bond, saga che di certo non abbiamo imparato ad amare per la complessità della trama o per l’approfondimento psicologico dei personaggi, ma forse i capitoli precedenti ci avevano illusi ad aspettarci qualcosa di più.

Voto: 6 ½

Tag:, , , , , , ,

No Comments
Story Page