close
Breaking news

Natale è alle porte e Amazon Prime ha deciso di premiare i suoi utenti che ama...read more ARRIVA “VOCI PER LA LIBERTÀ – UNA CANZONE PER AMNESTY”, IL LIBRO SUI...read more Oggi sarebbe stato il compleanno di un grande drammaturgo francese, avrebbe com...read more Vorresti far vedere a tutti quanto ti diverti insieme ai tuoi amici o familiari ...read more Appassionati di Holly e Benji? Klab ha annunciato poche ore fa che la pre-regist...read more È morto a 64 anni Malcolm Young, chitarrista e cofondatore degli AC/DC. Ad ann...read more Crozza-Mattarella piange nel dopo partita Italia-Svezia: “Siamo una chiavica!...read more Shyla Stylez, nota pornostar canadese, protagonista di varie parodie a luci ros...read more Vittima da giorni di un’emorragia alle corde vocali, Shakira ha annunciato il ...read more Il suo numero finisce in onda su Canale 5  durante la fiction “Rosy Abate...read more

Soy De Pueblo, il comic che ha spopolato in Spagna

copertina-Soydepueblo_fronte_lowIn Spagna ha fatto ridere e riflettere i suoi lettori. A portarlo in Italia ci ha pensato la casa editrice Hop!, non nuova a pubblicare titoli di satira rosa. Stiamo parlando di Soy de pueblo, un fumetto in cui le due autrici, Raquel Córcoles e Marta Rabadán, descrivono la vita delle provinciali in città.

Soy de pueblo è un fumetto geniale: una divertente, passionale e ispanica mitragliata sul trendy cittadino, sulle professioni in ascesa (blogger, grafici, artisti, dj, it-boys and girls), sull’eterna, fatua eppure inestirpabile diatriba su ciò che è cool e ciò che è ridi-cool, ma soprattutto sulla falsa cultura, sul finto intellettualismo, sugli iperdiffusi atteggiamenti “da alternativi”. Proprio la professione del blogger, del resto, anche per le due autrici del libro riesce a dar voce a una creatività che può uscire dal web e diventare un successo, un libro che “in Spagna leggono tutti”, un caso editoriale sulle vite dei giovani, sui loro sogni, sulle loro speranze, ma anche sulla loro capacità di analisi, sulla lucidità nel cogliere la precarietà dei meccanismi sociali attuali, divenuti peraltro irreversibili. Il tutto colto dal punto di vista nostalgico della provinciale, per la rivincita della provincia e della sua sana umanità. Leggero e molto divertente, Soy de pueblo punta il dito sul voyerismo che ci rende spettatori delle nostre vite, sul desiderio di essere protagonisti di una vita che esiste solo se la vedono e la commentano gli altri, sulla ricerca di un posto nella società 2.0. che ci frustra, che mette in evidenza la nostra inadeguatezza, ma che è l’unica cui aspiriamo per realizzarci. O almeno così ci sembra… fino a nuova revisione.

Tag:, , , , ,

No Comments
Story Page