close
Breaking news

Ecco la lista completa dei film presenti alla 73esima Mostra del Cinema di Venez...read more   Un nuovo titolo nel programma della 73. Mostra: L’uomo che non cambiò la s...read more   “The Rockers” è il nuovo album della stella del reggae mond...read more Finalmente pubblicata la canzone di Florence + The Machine scritta per il nuovo...read more La 73.ma edizione del Festival di Venezia segna anche il ritorno alla regia, c...read more 22 settembre. L’estate è finita ufficialmente. E su questo non ci piove....read more Orfani di Grido, i Gemelli DiVersi sono tornati in pista. Di seguito il video e ...read more   En?gma – Rapa Nui (Prod. By Wsht) Rapa Nui è il terzo singolo est...read more “Curriculum” è il primo singolo estratto da “Canzoni per met...read more “Dal Basso“, fuori ora il nuovo video di Emis Killa estratto dal suo nuovo a...read more

Sono un fashion-blogger. No. Sei solo idiota.

Per la Rubrica Moda Tutti Esperti oggi parleremo di una categoria protetta: i trentenni con la sindrome di Peter Pan che si autoproclamano influencer o fashion-blogger (e di fashion non hanno nemmeno i calzini). Uomini, o presunti tali, 30 ed over 30 che dovrebbero esser il presente di questo mondo giocano (senza riuscirci) a fare i metrosexual. Camicie stirate malamente, polo Ralph Lauren dal blu scolorito e dal colletto sgualcito sono il loro cavallo di battaglia. Sorrisoni smaglianti, sguardi profondi rivolti al mare, frasi poetiche. Il tutto per abbordarsi una ragazzina 10 anni più piccola. Come vi siete ridotti.

Vi chiedono di uscire, pretendono da voi una “mise” elegante, come se ne capissero qualcosa, vi chiedono l’anteprima del vostro outfit e voi dopo aver tentato 844 combinazioni diverse mandate il vostro miglior selfie allo specchio timorose del suo prezioso giudizio.

Così, incerte se vi abbia fatto un complimento più per educazione che per sincerità vi dirigete verso il luogo dell’appuntamento. È lì. È lì che lo vedrete con i suoi pantaloni a tubo, la felpa e la giacca a vento, o peggio, lo smanicato. Il bomber. Il tutto condito da delle preziose Hogan.

Il vero dramma è quando dice di vestirsi sempre a modo. Non credetegli. Io ve lo sto dicendo. Correte. Scappate. Via. Fuga. Ora.

Siete rimaste. Lo sapevo. Così avete assistito a maglioni natalizi a febbraio. “Il tessuto è caldo”. A completi dai colori chiari per cerimonie serali. “Questo colore mi sta bene”. Il problema è il tuo cervello. Quello non sta bene. Sicuro. Avete assistito a maglioni a “pallini” che di disfarne non se ne parla proprio perché “eh si ma l’ho comprato caro”. 12 anni fa. Ora buttiamolo honey.  Ha fatto il suo corso. Avete assistito a camicie finestrate (di tessuto scozzese a grandi quadri) multicolor che se vi foste frequentate con un boscaiolo del Canada sicuramente nel suo guardaroba avrebbe avuto mise più carine. E potrei continuare.

Tutte ne abbiamo conosciuto uno. Non vi biasimo. Ora avete 2 possibilità. La fuga o aumentare il loro (già smisurato) ego.

A voi la scelta.

Tag:, , , , ,

No Comments
Story Page