close
Breaking news

Ottime notizie per tutti coloro che hanno prenotato la standard edition di Fifa...read more Arriva la rivoluzione in casa Twitter dopo anni di annunci. Il celebre social h...read more L’artista sarà sul palco dell’Ariston anche in veste di direttore a...read more Messico, ucciso assistente di produzione di ‘Narcos’: cercava locati...read more L’1 settembre uscirà il nuovo attesissimo album di Ensi, dal titolo V. Qu...read more Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more

Sneijder attacca l’Inter: “Hanno provato a farmi a pezzi, il loro crollo non mi dispiace”

È un Wesley Sneijder al veleno quello che intervistato dal Telegraaf, ha attaccato in modo durissimo l’Inter: “Mi è sembrato terribile per giocatori e tifosi, ma per altre persone non mi è per niente dispiaciuto che il club sia finito a metà classifica in Serie A, rimanendo fuori dall’Europa e cambiando anche allenatore”.

Wesley-Sneijder-Galatasaray
Se non avessi avuto la personalità che ho – dichiara l’ex trequartista dell’Interdopo un’esperienza del genere non sarei più riuscito a giocare a calcio. Hanno provato in tutti i modi a farmi a pezzi: tutti i giorni ce n’era una. Un esempio? Una volta ho portato una persona con me all’allenamento e l’ho lasciata al bar con gli ospiti degli altri giocatori. Quando sono tornato a prenderlo era scomparso. Lo avevano mandato via dal bar, mettendolo in uno sgabuzzino senza finestre”.

“È stato un periodo di alti bassi – conclude Wesley Sneijder ora al Galatasaray, in cui ogni tanto ero molto giù, ma poi mi riprendevo. Molte persone all’Inter non meritano più la mia fiducia. Una situazione del genere, a volte, ti irrobustisce. Per fortuna c’era mia moglie Yolanthe con me a Milano, e lei riusciva calmarmi. Se ci fosse stato mio padre, lui avrebbe perso la testa. Spero comunque che coloro che prendono le decisioni all’interno del club inizino a meditare, perché quello che è accaduto non è degno dell’Inter”.

Tag:, , , , , ,

No Comments
Story Page