close
Breaking news

Ecco la lista completa dei film presenti alla 73esima Mostra del Cinema di Venez...read more   Un nuovo titolo nel programma della 73. Mostra: L’uomo che non cambiò la s...read more   “The Rockers” è il nuovo album della stella del reggae mond...read more Finalmente pubblicata la canzone di Florence + The Machine scritta per il nuovo...read more La 73.ma edizione del Festival di Venezia segna anche il ritorno alla regia, c...read more 22 settembre. L’estate è finita ufficialmente. E su questo non ci piove....read more Orfani di Grido, i Gemelli DiVersi sono tornati in pista. Di seguito il video e ...read more   En?gma – Rapa Nui (Prod. By Wsht) Rapa Nui è il terzo singolo est...read more “Curriculum” è il primo singolo estratto da “Canzoni per met...read more “Dal Basso“, fuori ora il nuovo video di Emis Killa estratto dal suo nuovo a...read more

Sanremo 2019, le pagelle di stile

Per la rubrica Moda Tutti Esperti oggi si danno i numeri. Voti per l’esattezza. Ebbene sì. Sanremo è finito, i miei esami anche, ed è arrivato il momento di tirare le somme e fare uscire le Pagelle di stile!

Virginia Raffaele non rischia: Voto 5. Sul palco dell’Ariston si può certamente osare di più. Capelli sciatti. Eleganza essenziale. Minimal. Pure troppo. Scollature troppo corazzate. Qualcosa non torna. Non brilla nemmeno nella mise paillettata. I look di Virginia non prendono il volo. Non mi convincono.

Claudio Baglioni anonimo: Voto 5. Lui, come Virginia, avrebbe dovuto osare un po’ di più. La sua figura sparisce persino al fianco degli ospiti. Troppo scialbo.

Claudio Bisio baracco is the way: Voto 6,5 Si premia il coraggio. Il comico osa smokings dalle giacche ricamatissime. Motivo paisley (“firma” di Etro), camicia con collo diplomatico, papillon, luccichii, completo in velluto color mosto con una serigrafia oro che raffigura fiori stilizzati. Troppo? Forse sì. I molti dettagli rischiano di appesantire la figura e di rubare la scena agli altri. Però. Tutto sommato: non dispiace.

Il Volo no words: Voto 0. incommentabili. Ignazio, tesoro, una suite della tua misura quando?!

Loredana Berté: Voto 10. Sfodera un abito già usato…ma che importa?! A Loredana tutto si perdona. Gambe in vista, stivaletti, capelli blu, e borsettina a tracolla con dentro il bodypack e via così! Libertè! 

Federica Carta ci sei quasi: Voto 5. Look stroncato dai tronchetti. Il tronchetto mai. Farebbe sembrare anche le modelle di Victoria’s Secrets tozze.

Shade senza infamia e senza gloria: Voto 6.

Paola Turci white suite: Voto 8. Semplice, Sofisticato, Sexy e chic. In tutti i suoi look. Unica pecca sono i capelli, forse, un po’ troppo lunghi per l’età che ha.

Motta in maniche di camicia: Voto 3. Non devo dire altro.

Boomdabash coordinazione: Voto 8. Abiti D&G, sneakers e coordinazione. Uno per tutti, tutti per uno. Vi si ama.

Patty Pravo aiutatela: Voto 0. Sembrava fosse uscita dal circo degli orrori. Ho temuto spuntasse Ivana Spagna, la innalzasse davanti la platea dell’Ariston, e si mettesse a cantare “il cerchio della vita”. Aiutatela. Aiutatemi. Sono già 7 notti che non dormo. Visioni traumatiche.

Briga: voto 9. Il badante (della Patty) più elegante di sempre. Ci prova e ci riesce. Pochette, gilet doppiopetto, catene, taglio di capelli affilato, scarpe lucide (di Loriblu). Tutto azzeccato. Peccato per il totem che ha al fianco. Gli ruba la scena, lo oscura e lo ridicolizza. Buttala. “Come fosse una bambola”. Semicit.

Anna Tatangelo: Voto 6,5. Troppo poco: poteva fare meglio.

Mahmood il vincitore: voto 5. Vince il Festival di Sanremo in maniche di camicia e anfibi. Imperdonabile. Camicia a maniche lunghe. Sempre. La parte bassa non dispiace con la catenona d’argento pendolante sui pantaloni street style.

Ultimo: Voto 8. Qualche scivolone l’ha fatto ma nel complesso l’appena ventenne se l’è cavata egregiamente. Prima serata ed ultima in particolare.

Irama un po’ “Bisiano”: Voto 8.Giacche alla Bisio. Vestono entrambi Etro. Entrambi all’insegna dell’eccentricità. Ci sta.

Ghemon: Voto 9. E’ un voto dato a sentimento eh. Non se lo merita mica Il cantante-attaccapanni. Sarà stato comodo in cappotto sotto i fari?! Si apprezza l’originalità. Per questa volta.

Achille Lauro: voto 8. Ringraziamo tutti Carlo Pignatelli che ha dato enfasi sui colori scuri, le giacche guru, i mantelli e i rasi misteriosi. Insomma. L’ha saputo vestire.

Francesco Renga testa riccia in risalto: voto 7. Look classico, sobrio, senza tempo e molto maschile.

Arisa ma perchè?!: Voto 5. Un po’ meglio rispetto al solito ma si può ancora migliorare.

Nino D’Angelo: Voto 2. Dopo quattro sere c’abbiamo fatto l’abitudine.

Livio Cori: voto 5. Il cornino napoletano al collo non si perdona.

Nek intramontabile: Voto 9.

Tag:, , , ,

No Comments
Story Page