close
Breaking news

Sei alla ricerca di un programma tv o di un film da guardare sul divano ma non ...read more Da oggi “Swoosh”, il primo singolo ufficiale di Dariè Baby, artis...read more Il rapper lancia il nuovo disco, in uscita il 26 giugno: «Lo definirei sobrio,...read more Leggere testi ad alta voce ed essere pagati per farlo. L’azienda di servi...read more Si intitola “Una voglia assurda” e uscirà venerdì “L...read more Aveva 51 anni e si trovava in Sicilia. Il ricordo dei colleghi: «Un grande per...read more ”Rabbia ed orgoglio dei dottori commercialisti verso le insinuazioni ...read more Torna Barbara Gilbo con la sua suadente e graffiante voce pop/rock e con un pez...read more Ideato da Tohru Iwatani, mentre guardava una pizza dopo averne mangiato la...read more Si chiama Avi Schiffmann e ha spiegato: “Non sono uno speculatore, non vo...read more

Sanremo 2013 – Day #5: C’era una volta…

17117_294614624001405_537172678_n

C’era una volta il Festival di Sanremo…

C’era una volta quel Festival che premiava la musica, non il programma da cui sei uscito. C’era una volta il Festival dove si premiava la canzone e non chi la portava. C’erano una volta i cantautori, coloro che riuscivano a scriversi le canzoni da soli. Dei pazzi. Perché scrivere quando te lo può fare un altro? C’erano una volta quei gruppi che ti sapevano divertire oltre che saper cantare. C’erano una volta e ci sono ora, solo che ora si preferisce premiare chi esce da un talent show, coloro che non fanno gavetta e che sono popolari perché davanti alla telecamere 24/7. Si premia chi non si impegna, chi non apprezza, chi vince Sanremo e sembra più scazzato che contento.

Ora, non sto dicendo che Mengoni non sappia cantare, perché la voce ce l’ha e non lo si mette in discussione. Sto solo dicendo che bisognerebbe provare ad ascoltare le canzoni, perché magari ciò che non piace al primo ascolto diventa ottimo, magari se presa con la lente d’ingrandimento si capisce la genialità nella composizione. Nella scelta del testo e nella serenità nell’eseguirlo, magari anche non leggendo il gobbo ogni secondo.

Questa esizione del Festival di Sanremo è stata un’edizione diversa, con canzoni particolari chi belle (ad esempio Max GazzèDaniele SilvestriMalika Ayane gli Elio e Le Storie Tese e anche Simone Cristicchi) chi orribili una su tutti Maria Nazionale, diciamocelo chiaramente: ha fatto schifo. Con dei conduttori particolari e alla fine oserei dire anche bravi, gaffè a parte: per esempio quel “Ci vediamo” detto da Fazio ad Andrea Bocelli. Ma è stata un’edizione quasi divertente, anche se la mancanza di grandi ospiti ha segnato sull’appesantimento delle serate, ma che grazie alla Littizzetto son quasi diventate medio pesanti (ed è già tanto, complimenti.) È stato anche il Festival del ritorno della Gialappa’s Band dopo un anno, infatti, sono riusciti a far dire ai Modà: Lit, agli Elio E Le Storie Tese: Tiz, ai Marta Sui Tubi: Zet e a Simona  Molinari e Peter Cincotti: To, per dare un omaggio alla Littizzetto. 

In conclusione: Il vincitore di questa edizione è Marco Mengoni con il 36% di voti, al secondo posto gli Elio e Le Storie Tese con il 33% dei voti e al terzo posto i Modà con il 31% di voti. A voi il giudizio, meritato? Non meritato? Lo scopriremo. Almeno sappiamo che agli Eelst sono arrivati il premio per la critica e quello per l’arrangiamento.

Anche questo diario, ahimè, si chiude, ho voluto dare uno sguardo più su tutta l’edizione che sulla serata in sé perché se lo meritava, non ne avevamo mai parlato bene. Non ci resta che lasciarvi al prossimo anno, sempre se ci sarà Sanremo, e augurarvi a tutti meno Mengoni e più Elio.

Alla Prossima!

PS: Avete fatto vincere questo! DAI! Un po’ di serietà!

12989_293345844128283_112837379_n

Tag:, , , ,

No Comments
Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi