close
Breaking news

Le pagelle della quinta serata del Festival di Sanremo 2018 Claudio Baglioni: 4...read more Lʼannuncio su Twitter di David Simon È morto a 59 anni l’attore Reg E....read more Le pagelle della quarta serata del Festival di Sanremo 2018 Claudio Baglioni: 4...read more Le pagelle della terza serata del Festival di Sanremo 2018 Claudio Baglioni: 4....read more Mentre si discute ancora sul caso di plagio che coinvolge Non mi avete fatto nie...read more Fiorello: 9. Fiorello è un maestro nel fare quello che ti aspetti da lui. Non ...read more Voci di corridoio confermano che si sta già pensando a una probabile seconda da...read more Come sarebbe la nostra vita senza tecnologia? Il docu-film “(A)social: 10 ...read more BELIZE – “Superman” (Kylome remix) disponibile da oggi in escl...read more L’attore 35enne è stato trovato morto: secondo i media Usa si sarebbe impicca...read more

RECENSIONI ( NON TROPPO RECENTI) : 7 WALKERS – OMONIMO

Che volete farci, sarà che sono affezionato ai musicisti over 40, sarà che la scena musicale attuale un po mi confonde, e il più delle volte mi deprime… (sarà quel che sarà)…. Cerco sempre di non perdere il contatto con i vecchi musicisti, quelli che non deludono mai, cerco sempre di tenere un occhio aperto sulle nuove leve certo, ma, anche l’ispirazione di questi ultimi viene dal passato…ergo ..

Di questi tempi non è raro ( anzi ) imbattersi in super-riunion di vecchie super band, o rimpasti spettacolari, e delle  volte improbabili, di super musicisti provenienti da vecchi e gloriosi gruppi del passato. Insomma l’esperimento a volte funziona, ( Them Crooked Vultures  come esempio lampante ), a volte un pò meno.

Nel caso dei 7 Walkers la ricetta preparata da Bill Kreutzmann ( mitico batterista dei Grateful Dead ) Papa Mali ( chitarrista voodoo  collaboratore e coautore di Bob Dylan ) George Porter Jr ( nome storico della scena musicale di New Orleans ) e Matt Hubbard ( talentuoso polistrumentista )  è davvero di quelle da leccarsi i baffi.

I 4 cucinano brani poliedrici miscelando sapientemente le spezie musicali di cui sono intenditori, in maniera semplice e con una grande voglia di divertirsi suonando, che traspare da ogni nota, e questo, lasciatemelo dire, è l’ingrediente fondamentale per qualsiasi tipo  di emozione musicale si voglia realizzare.

In questo omaggio alla Louisiana c’è il gusto il divertimento e l’anima di grandi musicisti, che con esperienza e compiacimento ( ma mai spavalderia! ) ci guidano attraverso il rock, il blues, il funky, e il jazz con la classe e l’eleganza  che solo i “vecchi” sanno fare.

Struggenti i momenti intimi del disco (  “Louisiana Rain“ ,” Evangeline”,  “Someday You’ll See” ) che accarezzano le budella tra un salto e l’altro di stile. Da menzionare il coinvolgimento di Robert Hunter ( Paroliere dei Grateful Dead) che ha curato gran parte dei testi.

In due parole Disco stupendo, da ascoltare tutto, e poi riascoltarlo.

Tracce consigliate :

King Cotton Blues “ ( Featuring Willie Nelson ), “For The Love Of Mr. Okra” , “Louisiana Rain” , “Hey Bo Diddle” .

Tag:, , , , ,

No Comments
Story Page