close
Breaking news

Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more La quarta serata è quella della noia e dell’eliminazione di 4 big. Poi c’è...read more La serata delle cover ti catapulta nel film The Purge. Una notte in cui tutti gl...read more Finalmente toccava ai giovani. Finalmente. Oh. Ecco. Che palle. Carlo Conti: 5,...read more

RECENSIONI ( NON TROPPO RECENTI) : 7 WALKERS – OMONIMO

Che volete farci, sarà che sono affezionato ai musicisti over 40, sarà che la scena musicale attuale un po mi confonde, e il più delle volte mi deprime… (sarà quel che sarà)…. Cerco sempre di non perdere il contatto con i vecchi musicisti, quelli che non deludono mai, cerco sempre di tenere un occhio aperto sulle nuove leve certo, ma, anche l’ispirazione di questi ultimi viene dal passato…ergo ..

Di questi tempi non è raro ( anzi ) imbattersi in super-riunion di vecchie super band, o rimpasti spettacolari, e delle  volte improbabili, di super musicisti provenienti da vecchi e gloriosi gruppi del passato. Insomma l’esperimento a volte funziona, ( Them Crooked Vultures  come esempio lampante ), a volte un pò meno.

Nel caso dei 7 Walkers la ricetta preparata da Bill Kreutzmann ( mitico batterista dei Grateful Dead ) Papa Mali ( chitarrista voodoo  collaboratore e coautore di Bob Dylan ) George Porter Jr ( nome storico della scena musicale di New Orleans ) e Matt Hubbard ( talentuoso polistrumentista )  è davvero di quelle da leccarsi i baffi.

I 4 cucinano brani poliedrici miscelando sapientemente le spezie musicali di cui sono intenditori, in maniera semplice e con una grande voglia di divertirsi suonando, che traspare da ogni nota, e questo, lasciatemelo dire, è l’ingrediente fondamentale per qualsiasi tipo  di emozione musicale si voglia realizzare.

In questo omaggio alla Louisiana c’è il gusto il divertimento e l’anima di grandi musicisti, che con esperienza e compiacimento ( ma mai spavalderia! ) ci guidano attraverso il rock, il blues, il funky, e il jazz con la classe e l’eleganza  che solo i “vecchi” sanno fare.

Struggenti i momenti intimi del disco (  “Louisiana Rain“ ,” Evangeline”,  “Someday You’ll See” ) che accarezzano le budella tra un salto e l’altro di stile. Da menzionare il coinvolgimento di Robert Hunter ( Paroliere dei Grateful Dead) che ha curato gran parte dei testi.

In due parole Disco stupendo, da ascoltare tutto, e poi riascoltarlo.

Tracce consigliate :

King Cotton Blues “ ( Featuring Willie Nelson ), “For The Love Of Mr. Okra” , “Louisiana Rain” , “Hey Bo Diddle” .

Tag:, , , , ,

No Comments
Story Page