close
Breaking news

Ecco la lista completa dei film presenti alla 73esima Mostra del Cinema di Venez...read more   Un nuovo titolo nel programma della 73. Mostra: L’uomo che non cambiò la s...read more   “The Rockers” è il nuovo album della stella del reggae mond...read more Finalmente pubblicata la canzone di Florence + The Machine scritta per il nuovo...read more La 73.ma edizione del Festival di Venezia segna anche il ritorno alla regia, c...read more 22 settembre. L’estate è finita ufficialmente. E su questo non ci piove....read more Orfani di Grido, i Gemelli DiVersi sono tornati in pista. Di seguito il video e ...read more   En?gma – Rapa Nui (Prod. By Wsht) Rapa Nui è il terzo singolo est...read more “Curriculum” è il primo singolo estratto da “Canzoni per met...read more “Dal Basso“, fuori ora il nuovo video di Emis Killa estratto dal suo nuovo a...read more

Recensioni –  Lacuna Coil – Broken Crown Halo

 

 

La conferma ( se mai ce ne fosse stato bisogno ) della sempre più progressiva ascesa, di quella che ormai è la rock band Italiana più conosciuta e acclamata al mondo. Broken Crown Halo è il settimo lavoro della band Milanese, che non ferma il suo stato di grazia, reinventandosi ad ogni album, ed enfatizzando in maniera chiara la loro totale libertà artistica, senza mai dimenticare le proprie radici.

Immagino non sia stato semplice affrontare un nuovo progetto dopo la meraviglia di Dark Adrenaline, ( che resta fino ad oggi il mio preferito, nonchè manifesto di una grande maturità artistica ) invece nessun condizionamento di sorta, soltanto la pura e semplice libertà di espressione, che ha fatto di quest’ultimo lavoro probabilmente il più “vero” della band.

Il Suond Wall è riconoscibilissimo, ed è la personalità unica della band, ma le strutture più essenziali e dirette, con un Andrea Ferro molto incisivo e potente, fanno si che il muro del suono creato arrivi diretto fin dentro le ossa, mentre la voce di Cristina Scabbia affonda le sue unghie dritte al cuore.

Broken Crown Halo  emoziona, ed al tempo stesso rivela l’emozione della band nell’averlo realizzato.  Già dalla prima “Nothing Stands In Our Way”  si capisce che non si tratta di un disco-cuscinetto, i Lacuna non hanno intenzione di riposare sugli allori, ma tutt’altro sfidano e si sfidano mettendosi in gioco totalmente. ” Zombies” e “ Hostage To The Light ” sembrano urlare la voglia di non fermarsi davanti a nulla per nessun motivo, “Die And Rise” ( probabilmente il pezzo più bello del disco)  ” Cybersleep”  e ” In The End I Feel Alive ” ribadiscono la tenacia e la sicurezza di una band che ha assolutamente chiara la mappa delle proprie potenzialità, e riesce ad addomesticarle alle proprie attitudini. La scelta di Cristiano Mozzati e Cristiano Migliore di lasciare i Lacuna alla fine delle registrazioni del disco, ha sicuramente aperto un nuovo capitolo nella storia del gruppo, privi di un pezzo di quella che loro stessi definiscono una famiglia. Nessuna metafora da Fenice che risorge dalle proprie ceneri, semplicemente la voglia di continuare attraverso le difficoltà e le scelte della vita, con sempre più forza e determinazione, ma soprattutto con una incredibile consapevolezza.

lacuna_coil_broken_crown_halo

Tag:, , , , , , , , , ,

No Comments
Story Page