close
Breaking news

L’artista sarà sul palco dell’Ariston anche in veste di direttore a...read more Messico, ucciso assistente di produzione di ‘Narcos’: cercava locati...read more L’1 settembre uscirà il nuovo attesissimo album di Ensi, dal titolo V. Qu...read more Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more

Pizza alla marijuana: la cannabis sposa mozzarella e pomodoro

A Vancouver nasce la pizza con infuso di cannabis, un prodotto che può essere acquistato solo dai maggiorenni e dietro prescrizione medica. Ma con le nuove leggi il pasto “marijuana friendly” potrebbe scomparire.

pizza-alla-marijuana-300x225

L’uso della marijuana negli impasti di torte dolci e salate non è una novità, ma è la prima volta che l’idea viene sviluppata in una pizzeria. La pizza con la cannabis è un prodotto che al momento è possibile gustare a Vancouver, in Canada, presso il cafè-pizzeria Mega Ill, dove il proprietario Mark Klokeid è partito da un’esperienza personale per approdare infine al piatto “marijuana friendly”. L’uomo ha infatti raccontato a CTV News di essere un sopravvissuto al cancro che ha fatto uso terapeutico della sostanza psicoattiva. Ancora oggi, racconta Klokeid, “ne ho bisogno regolarmente e ne continuo ad ottenere i benefici anti-cancro. Non uso nessun altro farmaco analgesico”. Il Mega Ill, oltre alle sue specialità, è anche un coffee shop in cui il cliente può portare la sua marijuana, vaporizzarla e aspirarla tra un sorso e l’altro.

Ordinare una pizza alla marijuana non è comunque così facile. Il cliente deve essere maggiorenne e, soprattutto, deve mostrare il certificato medico che prescrive l’uso della sostanza. Assolti tutti gli obblighi di legge, la marijuana sarà utilizzata per filtrare l’olio a crudo. Il condimento non ha esattamente il costo di funghi e carciofini, dal momento che comporta un sovrapprezzo sulla pizza di ben dieci dollari. Il locale, nato a dicembre con l’intento di distinguersi dalla concorrenza per i suoi cibi sani, è giunto all’idea – e alla produzione – della pizza alla cannabis da appena un mese. Nel frattempo, però, le leggi canadesi sono cambiate e proprio il 1 aprile il parlamento ha approvato una normativa più restrittiva sull’uso medico della marijuana. Cosa comportino tali modifiche per il Mega Ill ancor non è chiaro, ma per il proprietario una cosa è certa: finché si può, produrranno la pizza con il singolare ingrediente.

Fonte: fanpage.it

Tag:, , ,

No Comments
Story Page