• Print
close
Breaking news

Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more La quarta serata è quella della noia e dell’eliminazione di 4 big. Poi c’è...read more La serata delle cover ti catapulta nel film The Purge. Una notte in cui tutti gl...read more Finalmente toccava ai giovani. Finalmente. Oh. Ecco. Che palle. Carlo Conti: 5,...read more

Pdl pulito (?)

nicola cosentino3L’ultimo caso a tener banco in casa Popolo della Libertà è stato quello di Nicola Cosentino. Risolto. Fuori dalle liste. Vamos (cit).

Pare che lo stesso – appresa la notizia – in una trama che sembra scritta da Woody Allen, abbia fatto sparire ogni cosa fosse vagamente somigliante a una lista. Il Pdl ha poi smentito: le liste le aveva Nitto Palma. O forse no. O forse sì. Boh. Sipario.

In ogni caso, la rosa dei candidati del Pdl è talmente linda che ti verrebbe voglia di votarli solo a sentirne i nomi. Un po’ come ti verrebbe voglia di votare Bersani unicamente per il carisma contagioso e quella sua ars oratoria in grado di probare, delectare e movere le masse come solo Gigi Marzullo.

Elenchiamo: Verdini, Cesaro, Farina, Razzi, Scilipoti, Polverini, Formigoni, Angelucci, Cicchitto, Capezzone,  Minzolini e Gianni Sammarco.

Scelta dolorosa, quindi, quella di tener fuori Arsenio Lupin, Pietro Gambadilegno e la Banda Bassotti tutta. Ma andava fatto.

Tag:, , , , , , , , ,

No Comments
Story Page