close
Breaking news

Lo scorso 21 maggio, Ok Computer – il terzo album in studio dei Radiohead...read more TESTO SALMO – NON VOLEVO Parli parli, ma non sento niente Quando canti b...read more Call2Play are Inoki Ness, Mad Dopa and Fabio Musta. FALLO TU è il singolo che ...read more Gue Pequeno, Non ci sei tu, Testo Mi fa strano lo sguardo perso di Chi vuole co...read more Basata su una storia di Stephen King, la serie TV (10 episodi) segue le vicende...read more Siamo giunti alla serata finale. Proclamato il vincitore. Gabbani for president....read more Perdersi tra le pagine di un libro è uno dei piaceri più belli della vita, di...read more La quarta serata è quella della noia e dell’eliminazione di 4 big. Poi c’è...read more La serata delle cover ti catapulta nel film The Purge. Una notte in cui tutti gl...read more Finalmente toccava ai giovani. Finalmente. Oh. Ecco. Che palle. Carlo Conti: 5,...read more

Parov Stelar: dietro l’house un oceano d’influenze

 

imageVi parlo da profana della cosiddetta musica house (sono rimasta ancora alla dance anni ?90, non vogliatemene). MA, come avviene sempre di scoprire nuovi suoni e sensazioni ad essi legati, qualcuno mi ha proposto quest’uomo dal nome spaziale, Parov Stelar, pseudonimo di Marcus Füreder. <<Ascolta a Night in Torino [email protected] Club..non te ne pentirai.>>, mi dissse un amico.

imageMorale della favola? Non me ne sono pentita. Anzi. Un’esplosione di Jazz, Swing e, perché no, Funk. Un live spettacolare, quello di A Night In Torino. Sensazionale. Tutta la musica che avreste voluto ascoltare in discoteca, ce l’avete lì. Ritmi travolgenti che non prescindono però dalla caparbia, accuratezza e finezza musicale. Melodie di Sax su tappeti infiniti di drums&bass. Una musica “per caricarvi”, ma non solo.

La saggezza ed esperienza di Parov Stelar si vedono nei suoi pezzi a mio giudizio più intimistici come “Powder”, “Autumn Song”, “Dark Jazz”. Si tratta di viaggi introspettivi, adatti a quei momenti in cui sentiamo il bisogo di riflettere, di risolvere piccole o grandi (a seconda della sensibilità di ciascuno) questioni interiori.

Album consigliati: “Spygame”, “Shine”, “Seven and Storm”

Canzone da ascoltare subito: “Get up on your feet”, ovviamente versione tratta dal Live sopraccitato.

Buon Shake!

Tag:, , ,

No Comments
Story Page