close
Breaking news

Vorresti far vedere a tutti quanto ti diverti insieme ai tuoi amici o familiari ...read more Appassionati di Holly e Benji? Klab ha annunciato poche ore fa che la pre-regist...read more È morto a 64 anni Malcolm Young, chitarrista e cofondatore degli AC/DC. Ad ann...read more Crozza-Mattarella piange nel dopo partita Italia-Svezia: “Siamo una chiavica!...read more Shyla Stylez, nota pornostar canadese, protagonista di varie parodie a luci ros...read more Vittima da giorni di un’emorragia alle corde vocali, Shakira ha annunciato il ...read more Il suo numero finisce in onda su Canale 5  durante la fiction “Rosy Abate...read more Il lancio di Football Manager 2018, avvenuto il 10 novembre scorso, è stato il ...read more Il figlio di Marco Travaglio, Alessandro, ha detto al padre che ha firmato un co...read more È il giorno di Football Manager 2018. O meglio, lo sarà a partire da mezzanot...read more

Parov Stelar: dietro l’house un oceano d’influenze

 

imageVi parlo da profana della cosiddetta musica house (sono rimasta ancora alla dance anni ?90, non vogliatemene). MA, come avviene sempre di scoprire nuovi suoni e sensazioni ad essi legati, qualcuno mi ha proposto quest’uomo dal nome spaziale, Parov Stelar, pseudonimo di Marcus Füreder. <<Ascolta a Night in Torino [email protected] Club..non te ne pentirai.>>, mi dissse un amico.

imageMorale della favola? Non me ne sono pentita. Anzi. Un’esplosione di Jazz, Swing e, perché no, Funk. Un live spettacolare, quello di A Night In Torino. Sensazionale. Tutta la musica che avreste voluto ascoltare in discoteca, ce l’avete lì. Ritmi travolgenti che non prescindono però dalla caparbia, accuratezza e finezza musicale. Melodie di Sax su tappeti infiniti di drums&bass. Una musica “per caricarvi”, ma non solo.

La saggezza ed esperienza di Parov Stelar si vedono nei suoi pezzi a mio giudizio più intimistici come “Powder”, “Autumn Song”, “Dark Jazz”. Si tratta di viaggi introspettivi, adatti a quei momenti in cui sentiamo il bisogo di riflettere, di risolvere piccole o grandi (a seconda della sensibilità di ciascuno) questioni interiori.

Album consigliati: “Spygame”, “Shine”, “Seven and Storm”

Canzone da ascoltare subito: “Get up on your feet”, ovviamente versione tratta dal Live sopraccitato.

Buon Shake!

Tag:, , ,

No Comments
Story Page